Utente 264XXX
Salve, scrivo perchè dopo un mese che sto con la mia ragazza, e averlo fatto più o meno una 18ina di volte (anche 2 in una giornata) mi ritrovo che lei è partita poco tempo fa, e sia prima della sua partenza, sia ora al suo ritorno, non riesco più a venire durante il coito, premetto io soffro di ansia generalizzata e prendo tranquillanti, però fino ad ora oltre qualche piccolo episodio di perdita di tono, subito ripreso con un pò di petting non era successo niente, come dicevo, il giorno prima della sua partenza e l'altro ieri ed oggi non sono riuscito a venire, ho provato a fare da me e va tutto liscio, ma appena sto con lei, non so, saranno i pensieri, una leggera infiammazione al prepuzio (che sto curando, ma durante l'atto comunque non da fastidio), il fatto che abbiamo avuto un rapporto a rischio e dobbiamo fare le analisi beta hcg la settimana prossima, il profilattico, l'università che sta per iniziare, insomma, 3000 pensieri e perdo tono e voglia, è come se non sentissi nulla...
ne ho parlato con lei e abbiamo deciso di astenerci un pò dalla pratica per far tornare un pò di libido... ma non so se è davvero questo il problema...
voi che mi dite?
sono un pò spaventato, è anche una cosa che si somma, insomma inizio ad avere paura dell'impotenza a 20 anni... so che è abbastanza sciocco e probabilmente è solo una questione psicologica... ma come fare?
vi ringrazio in anticipo,
distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

non entri in vortici di ansie e paure difficilmente poi controllabili.

E' giunto ora il momento di sentire in diretta un bravo andrologo.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo problema, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/228-rapporto-tarda-finire-impotenza-eiaculatoria-fare.html

Un cordiale saluto.


[#2] dopo  
Utente 264XXX

Iscritto dal 2012
Grazie innanzitutto per avermi risposto, mi sono rivolto al mio medico di base che è anche andrologo e mi ha confermato che è una miscela di fattori, un calo di libido che aumenta il potere dei tranquillanti che sto prendendo, il fatto che c'è stato quel piccolo incidente e ho paura che sia rimasta incinta (cosa improbabile comunque) e sto quindi aspettando le analisi (che poi è la prima cosa che mi distrae durante il coito), le mille ansie dovute all'inizio di una nuova vita universitaria, e il fatto che stava diventando routine quindi quasi sesso e non più amore come piace a me. Per l'arrossamento genitale sto usando vea lipogel e va molto meglio, anche se a volte ho dei pruriti sul prepuzio, ma che non danno fastidio durante il coito.
Il mio medico sostiene che sono più i 4 mg giornalieri di EN che il resto, ma prima non avevo problemi, e comunque, oggi l'ho vista e ho avuto un erezione, non c'è calo del desiderio, credo sia, anche rifacendomi all'articolo da lei segnalatomi, l'ansia della possibilità che è rimasta incinta, più il fatto che ultimamente sono molto ansioso per l'università, spero che questo periodo di pausa rinfranchi un pò la libido, e ci faccia vivere questa bella cosa non come una routine.
Il periodo di pausa non ha un termine, altrimenti sarebbe altra ansia da gestire, semplicemente quando verrà naturale lo faremo, e credo succederà passati questi nostri ostacoli delle analisi e universitari.
Lei che ne pensa? Se posso permettermi.
Cordialità.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

fa alcune considerazioni generali che ritengo condivisibili.

Ancora cordiali saluti.