Utente 164XXX
Salve,
Scrivo per un consiglio...Sin da piccola mi fu detto (dall'ortodonzista) che avrei dovuto curare la mia terza classe scheletrica oltre che il morso crociato.....non avendo grossi problemi nè estetici (terza classe compensata) nè funzionali abbandonai l'idea. Ora a trent'anni inizio ad avere click e rumori nella masticazione con una certa frequenza oltre che dolori ai muscoli facciali....fu l'otorino da cui andai l'anno scorso per operare il naso a consigliarmi di curare con una certa urgenza la mia malocclusione. Il maxillo facciale insieme all'ortondonzista non vedono altra strada che quella dell'ortodonzia pre-chirurgica seguita dall'operazione chirurgica. L'altra soluzione, non definitiva ma che potrebbe eliminare alcuni sintomi è il byte. Non so che fare, la strada mi pare un pò troppo lunga e l'intervento per niente banale e mi chiedo se, per i disagi che ho, mi convenga o meno...Sono più indirizzata verso il byte, meno invasivo ma cmq efficiente, no? Insomma la mia domanda è: quando e quanto è consigliato da voi specilaisti questo tipo di intervento? Ho un'altra domanda, forse meno attinente....avendo anche la mandibola storta (pare in seguito da un trauma) oltre quanto elencato finora, fareste una rinosettoplastica? Nel senso: è possibile correggere la deviazione del naso basandosi su un volto che non è del tutto simmetrico?
Grazie in anticipio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
4% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile utente emerge dalla sua descrizione un aspetto non chiaro.
Per i disturbi che lei ci descrive ,l'uso del byte non è solo una strada alternativa alle terapie ortodontiche e chirurgiche,ma l'apparecchiatura byte rappresenta anche prima della ortodonzia e della chirurgia una fase oltre che terapeutica anche diagnostica,questo apparecchio nei casi come il suo in cui e presente un disordine cranio mandibolare applicato per un periodo stabilito favorisce tutti i fenomeni rilassamento mandibolare accertando quindi la occlusione più corretta e favorendo una diagnosi ed un piano terapeutico adeguato.
[#2] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mo Dr Auletta,
Innanzitutto grazie per la risposta e l'interessamento.
Il problema è che i miei molari non coincidono proprio. Coincidono praticamente solo i denti davanti, dietro c'è il caos più totale dovuto tra l'altro ad un palato troppo più piccolo rispetto alla mandibola.....ecco perchè il byte mi è stato consigliato come 'palliativo' ma non come come cura 'alternativa'...
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Consulti uno gnatologo.

PRIMA devono cessare i dolori e i sintomi con una opportuna erapia gnatologica.

POI consulta l'ortodonzista se occorre spostare i denti nella nuova posizione, e il chirurgo maxillo-facciale se in questo percorso è previsto un intervento per spostare le ossa.

[#4] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mo Dr. Formentelli,
Ho consultato il mio ortondonzista (anche gnatologo) e il maxillo-facciale insieme ad un altro ortondonzista (non quello da cui sono solita andare) e tutti hanno proposto la stessa strada: ortodonzia pre-chirurgica, operazione maxillo-facciale, ortodonzia post-operazione. Pare che con la sola ortodonzia non si possano ottenere risultati essendo il mio un problema osseo e non dentale...So che senza una visita è difficile per Voi dare consigli, il motivo per cui chiedo il Vs consulto è quello di sapere se, continuando ad avere questa disfunzione articolare, possa peggiorare con il tempo e se generalmente anche laddove non vi siano grossi problemi funzionali e/o estetici, si consiglia un intervento del genere....
Di nuovo grazie
[#5] dopo  
Dr. Federico Servadio
24% attività
4% attualità
12% socialità
SAN GIULIANO TERME (PI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Le disfunzione dell'Articolazione Temporo-Mandibolare tendono a peggiorare se non ne viene corretta la causa e se non inquadra il problema e la sua terapia.
Lo gnatologo generalmente valuta il problema decidendo poi se l'intervento sia la sola strada percorribile per correggere la malocclusione.
L'ideale sarebbe prima mettere a riposo l'ATM.
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Come le ho già suggerito e come il dr. Servadio conferma,

PRIMA mette a riposo l'ATM con una opportuna terapia gnatologica,
POI intraprende la strada ortodontica e chirurgica.

NON l'inverso.