Registrati | Recupera password
0/0

Legge 104 e legge509/88

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2006

    Legge 104 e legge509/88

    Egregi dottori,
    la mia domanda è finalizzata a capire se posso ancora usufruire dei tre giorni di permesso retribuito ai sensi della legge 104 art.3 o no.
    Mi spiego:
    Il 7/11/2007 mia madre ottiene il "riconoscimento" di invalido con totale e permanente inabilità lavorativa 100% con necessità di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita.8(non soggetto a revisione)
    La stessa commissione concede, con verbale separato , la situazione handicap in situazione di gravità ai sensi dell'art. 3 della legge 104/92.(non rivedibile)

    Il 25/11/2011 mia madre viene sottoposta a verifica (spending reviu) e viene riconosciuta" ultrasessantacinquenne con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni ed i compiti propri della suta età (L. 509/88 124/98) grave 100%"
    .
    Non ho opposto ricorso, in quanto nella mia ignoranza ho pensato che una persona che ha difficoltà persistenti a svolgere le funzioni ed i compiti della sua età e definita grave , avesse ancora diritto all'accompagno.

    Scopro che non è così diversi mesi dopo quando non provvedono all'accredito dell'accompagno e richiedono la restituzione di ben 9 mesi. Quindi lo CAPISCO quando sono decorsi i termini per un eventuale ricorso.

    Il nuovo verbale non richiama, non rivede, e non fa alcun riferimento alla 104.
    Posso continuare ad usufruire dei tre giorni, o tale diritto è collegato all'accompagnamento.

    Non vorrei incorrere in problemi con l'ufficio ne essere richiamata, magari fra qualche anno, a restituire o pagare le giornate usufruite a tale titolo.

    Vi prego datemi una risposta, i caf sono discordanti.
    Grazie
    Isabella



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 170 Medico specialista in: Medicina legale e delle assicurazioni
    Cardiologia

    Risponde dal
    2010
    Gentile Signora,

    se il verbale di verifica non riporta alcuna clausola riguardante la Legge 104/92 ed i relativi benefici, a mio parere la condizione riconosciuta nel precedente verbale, che riporta l'attribuzione della connotazione di gravità ai sensi della medesima Legge 102/92, art.3, comma 3, è da ritenersi vigente e valida, almeno fino a quando l'interessata non venga sottoposta a specifica verifica ai sensi del'art. 20 comma 2, della Legge 102/2009.
    http://www.handylex.org/stato/c190412.shtml

    Il beneficio di cui Lei fruisce non è dipendente dalla concessione dell'indennità di accompagnamento, ma appunto dalla connotazione di gravità (art.3, comma 3 L. 104/92), che presuppone parametri di valutazione ed organismi di accertamento diversi, tant'è che la Commissione competente per l'accertamento dell'handicap deve essere integrata da un medico esperto nell'infermità che comporta l'handicap e da un operatore sociale.

    Per inciso, sappia che il piano di verifiche sull'invalidità civile era previsto ben prima che si parlasse di "spending review":
    http://www.handylex.org/gun/controllo_invalidi_piano_2012.shtml

    Distinti Saluti.


    Nicola Mascotti,M.D.
    [Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2006
    La ringrazio, dottor Mascotti,
    mi ha sollevata .
    Avevo timore di aver commesso un illecito continuando ad usufruirne
    anche dopo la notifica del verbale (che non avevo compreso con precisione)
    Isabella



  4. #4
    Utente donna
    Iscritto dal
    2006
    Egregio Dottore,
    un ultimo dubbio:

    In alcuni casi, per esempio nell'agevolazione iva per l'acquisto auto, se non si hanno problemi motori è necessaria l'invalidità di accompagnamento per poterne usufruire.

    Per usufruire dei tre giorni di permesso non è previsto il vincolo dell'indennità di accompagnamento ?
    Grazie
    Isabella



  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 170 Medico specialista in: Medicina legale e delle assicurazioni
    Cardiologia

    Risponde dal
    2010
    Gentile Signora,

    no, per quanto ne so non è previsto tale vincolo.
    Il beneficio è concesso quando sia stata riconosciuta la connotazione di gravità ex art.3, comma 3, della Legge 104/92, indipendentemente dalle altre condizioni inerenti l'invalidità civile.

    Può ottenere ulteriori informazioni al seguente link:
    http://www.handylex.org/cgi-bin/hl3/cat.pl?v=a&d=4401&c=4402

    Ancora Distinti Saluti.


    Nicola Mascotti,M.D.
    [Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

  6. #6
    Utente donna
    Iscritto dal
    2006
    Grazie per la Sua gentilezza, disponibilità e professionalità.
    Isabella




Discussioni Simili

  1. Requisiti art. 3 comma 3 legge 104/92
    in Medicina legale e delle assicurazioni
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10/09/2012, 22:22
  2. Invalidita civile legge 104
    in Medicina legale e delle assicurazioni
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15/10/2012, 17:34
  3. Invalidità ed handicap
    in Medicina legale e delle assicurazioni
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26/10/2012, 15:36
  4. Pensione invalidità
    in Medicina legale e delle assicurazioni
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25/05/2012, 20:26
  5. Benefici legge 104 comma 1 art.3
    in Medicina legale e delle assicurazioni
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 09/01/2013, 00:20
ultima modifica:  16/07/2014 - 0,06        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896