Utente 246XXX
Salve,
Ho contratto il virus dell'HIV.
Dagli esami risulta ancora in stato di latenza.
Domanda una cura antiretrovirale non toglie il rischio di ammalarsi di tumore?
Cioè non si parla più di aids ma il virus aumenta il rischio di morte?
[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Non pensi a queste infondate associazioni; pensi invece a iniziare la sua cura antoretrovirale che ad oggi è una strada che può essere percorsa con un alto profilo di tollerbilità e sicurezza assieme a personale esperto e che dà enormi speranze.

carissimi saluti e in bocca a lupo.
[#2] dopo  
Utente 246XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio dottoressa,
ma leggendo il sito unicef che riporto "Le persone che contraggono il virus HIV (sieropositive) non sono malate di AIDS, anche se sono destinate a diventarlo, salvo casi rarissimi. Opportunamente curato con appositi farmaci, un soggetto sieropositivo può vivere anche molto a lungo (10-20 anni) in discreta salute, ma continuerà ad essere portatore del virus e dunque potrà trasmetterlo ad altre persone. Soltanto quando il livello di infezione da HIV supera una determinata soglia, il soggetto è considerato malato di AIDS." Quindi sono destinato a diventarlo? E ho più probabilità di ammalarmi di tumore rispetto ad siero negativo? 10-20 anni da quando lo contratta o da quando diventa attiva?

è solo curiosità, cioè il mio infettivologo mi ha spiegato tutto pero non vorrei che in generale non dicano l'esatta realtà per non farti deprimere...

Grazie in anticipo,
le auguro una buona serata.
[#3] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Le dico una cosa:

tempo fa - prima dell'avvento dei nuovi farmaci - la sopravvivenza a lungo termine dei pazienti affetti da HIV era del 5% ora è del 95%

ciò vuol dire che i nuovi farmaci fanno vivere bene e a lungo, in termini probabilistici quasi parimenti ad un soggetto normale.

Che dirle di più? Le frasi che ha letto, getterebbero qualsiasi malato di HIV nello sconforto non solo lei; non mi piacciono sebbene rispetti il pensiero (forse un poco datato) di chi le ha poste in essere.

carissimi saluti