Utente 266XXX
Buona sera, sono un ragazzo di 25 anni al quale dopo una colica renale è stata diagnosticata una cisti fluida al rene sx. La tac alla quale sono stato sottoposto ha il seguente referto:
In sede apicale sn cisti area fluida rotonda di 3 cm di diametro contenente materiale iperdenso stratificato e mobilizzabile di circa 300 U.H. di densità riferibile a calcolosi fluida. Piccolo calcolo di 4 mm a livello del polo superiore del rene dx. Non idronefrosi o dilatazioni caliceali. Assenza di aspetti patologici vescicali.
Il medico che che mi ha osservato in ospedale ritiene che sia una ciste contenente latte di calce e che non sia nulla di grave e mi ha prescritto un controllo ecografico tra 3 mesi.
Sono molto agitato devo stare tranquillo o devo preoccuparmi?
Vi ringrazio anticipatamente per la risposta.
Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
prima di tutto non dovete preoccuparvi in quanto la probelmatica da lei denunciata è molto comune .L'esecuzione della TAc ha escluso problematiche serie a livello renale.La colica da lei sofferta è stata determinata verosimilmente dal calcolo evidenziato dall'esame e non dalla cisti. La cisti è unica,non è complicata e va solo monitorata annualmente con un controllo ecografico;la presenza di un calcolo le impone a mio giudizio (vista la giovane età) ad eseguire dei controlli ematochimici e urinari e a prendere delle accortezze per evitare che suddetti calcoli si ingrandiscano o che se ne formino degli altri.
utile quindi : bere almeno 1.5 litri di acqua al dì;dieta con poca sale; eseguire dosaggio su urine 24 ore di calciuria,sodiuria,citraturia,fosfaturia,uricuria e su urine fresche di esame urine ed urinocoltura.
Sul sangue esegua: calcemia,fosfatemia,PTH,uricemia,funzione renale.
a sua disposizione per chiarimenti
[#2] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio infinitamente delle celere ed esauriente risposta, venerdì ho appuntamento dal nefrologo, e dopo il suo parere attenderò con più tranquillità.
Grazie ancora e buona serata.
[#3] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera Dottore, mi scusi se la disturbo nuovamente, ma siccome ho ancora dei dubbi, volevo gentilmente chiederle dei chiarimenti riguardo la definizione di una ciste di latte di calce. E' una ciste semplice o complicata? E se è complicata è pericolosa?
La mia ciste è rotonda con margini regolari e questo latte di calce (materiale bianco) all'estremità inferiore. Spero che la situazione le sia abbastanza chiara per fare una valutazione, altrimenti sono a disposizione per darle ulteriori informazioni.
Attendo una sua risposta e la ringrazio.
[#4] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Egregio utente,
il termine latte di calce è sinceramente desueto;la presenza di margni rotondi netti e l'assenza di setti o materiale corpuscolato escludono la presenza di una cisti complicata;rimane l'accortezza di eseguire eco addome annulamente per evidenziare modifiche dimensionali o strutturali della cisti.Stia comunque tranquillo ed esegua la visita specialistica così come previosto
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dottore,
quindi questo materiale iperdenso stratificato e mobilizzabile di circa 300 U.H. di densità riferibile a calcolosi fluida che ho sull'estremità inferiore della ciste non è un materiale corpuscolato?
Attendo una sua risposta e la ringrazio nuovamente.
Saluti
[#6] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Egregio Utente,
per come viene descritto "materiale iperdenso" ha caratteristiche di natura calcolotica ;il termine calcolosi fluida dà l'idea di un nucleo calcifico in via di formazione.Il materiale copuscolato viene chiamato in causa per la presenza di cisti ascessualizzate.nel vs caso manca la febbre ed immagino che gli indici di flogosi (ves,pcr) siano normali.Molto correttamente vi è stato consigliato di ripetere ecografia addome fra tre mesi;in questo caso potrebbe essere utile eseguire anche una Rx diretta addome previa adeguata preparazione al fine di evidenziare formazioni calcifiche.
State sereno non è nulla di cui preoccuparsi va solo monitorato;ribadisco però la necessità di uno studio metabolico per studiare al meglio la calcolosi.
un caro saluto
[#7] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera dottore,
mi scusi se la disturbo nuovamente ma qualche giorno fa ho eseguito la visita dalla nefrologa, la quale mi ha detto che secondo lei è una ciste benigna e mi ha suggerito anche lei di fare un'ecografia tra 3 mesi, poi ha notato che ero un pò agitato e mi ha detto di farla subito, e se dall'ecografia fosse uscito qualcosa di anomalo mi ha detto di fare una tac con il contrasto. Così il giorno dopo ho effettuato un'ecografia renale e vescicale le riporto la diagnosi:
Reni in sede, con regolare volume e morfologia, senza alterazioni dell'ecostruttura e dello spessore parenchimale cortico-midollare.
Diametro longitudinale dx: mm101
Diametro longitudinale sn: mm98
Bilateralmente microspot iperecogeni della midollare specie a sin
Non ectasia delle vie escretrici bilateramente
A sin cisti polare superiore di 29mm.
Nel lume di tale cisti detriti stratificati di 15 mm con cono d'ombra posteriore.
La vescica appare normoconformata, ben distesa, esente da evidenti alterazioni parietali ed endoluminali di dimensioni evidenziabili con la metodica.
Assenza di formazioni litiasiche.
Assenza di dilatazione del tratto iuxtavescicale degli ureteri.
Prostata regolare 28 mm DT
Ecostruttra omogenea.


L'ecografista mi ha detto che non è nulla di preoccupante ma è una ciste comune, mi ha detto di controllarla annualmente e per il momento non è il caso di tornare da uno specialista. Mi ha detto anche che ho della renella e mi ha consigliato di bene almeno 1,5 di acqua al giorno.
Successivamente sono andato a far vedere la diagnosi dell'ecografia dal mio medico di famiglia, che mi ha confermato la stessa cosa.
Lei cosa ne pensa? E' il caso di fare la tac con il contrasto?
Attendo una sua risposta, la ringrazio nuovamente
[#8] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Egregio Utente,
non credo sia necessario eseguire una TAC con il contrasto,vista la giovane età,rischiate solo di prendere inutili radiazioni.Concordo con il controllo ecografico annuale.Vi ribadisco però,come già espresso in un precedente consulto la necessità di eseguire uno studio metabolico su sangue e urine per valutare la calcolosi (risocntro di renella).Questo è importante per correggere eventuali abitudini e stili di vita sbagliati ed al fine di assumere integratori atti a ridurre il rischio che dalla renella,negli anni,si passi ai calcoli veri e propri.
A disposizione per chiarimenti vi saluto
[#9] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio infinitamente per la tempestiva risposta. La terrò aggiornata. Saluti
[#10] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera dottore, mi scusi se la disturbo nuovamente ma volevo aggiornarla sugli esami e la visita che ho effettuato e volevo un suo parere. Come lei mi aveva consigliato ho effettuato gli esami del sangue calcemia,fosfatemia,PTH,uricemia,funzione renale. Calcemia e creatinina sono leggermente elevate (adesso non ho sotto mano i risultati delle analisi) ma proprio di poco..se i valori sono 8,5 - 10,5 mg/dl io ho 10.8 e lo stesso per la creatinina..oggi inoltre sono andato da un neurologo il quale mi ha detto di non preoccuparmi della ciste ma bensì della calcolosi. Mi ha conisgliato di eseguire dosaggio su urine 24 ore (come mi aveva detto anche lei) e di effettuare una scintigrafia renale, in quanto dall'ultima ecografia che ho fatto ha notato che un rene è più grande dell'altro e vuole misurare la funzionalità dei miei reni.Lei cosa ne pensa?E'una cosa preoccupante?Visto che ho i lavori leggermente alti di calcemia e creatinina, questo cosa da cosa può essere causato e cosa può comportare? Poi un'ultima cosa volevo chiederle, una ciste come la mia, può modificarsi con il tempo e diventare qualcosa di più pericoloso?
La ringrazio anticipatamente per la risposta.
Saluti
[#11] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Egregio Utente,
la presenza di una calcemia ai limiti alti e di una creatinina non nei limiti (non mi dice quanto) devono allertarvi sulla necessità di un follow up della funzione renale andando ad agire sui vari fattori di rischio (farmaci,ipertensione,idratazione) ed agendo sul rischio di calcolosi eseguendo uno studio metabolico ben fatto su urine e sangue così come le avevo già detto nei precedenti consulti.A questo andrà associata una dieta adeguata mirata al tipo di calcolosi verso la quale siete predisposto.
Cordiali saluti
[#12] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio della risposta Dottore, vorrei sapere se lei pensa che una ciste come la mia, può modificarsi con il tempo e diventare qualcosa di più pericoloso?
[#13] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio della risposta Dottore, vorrei sapere se lei pensa che una ciste come la mia, può modificarsi con il tempo e diventare qualcosa di più pericoloso?
[#14] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Egregio Utente,
la trasformazione in neoplasia di una cisti renale è un evento possibile;come già abbiamo avuto modo di confrontarci nei consulti precedenti è opportuno che voi facciate un follow up ecografico annuale per valutare le dimensioni,i caratteri della cisti (sepimenti interni,materiale corpuscolato,cisti semplice) ed eventuali fenomeni di compressione su strutture renale contigue (pelvi,vasi renali).Con unasemplice ecografia renale ben fatta ogni 12 mesi tuttio questi quesiti verranno tacitati.
State tranquillo
cordiali saluti
[#15] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera dottore,
volevo chiederle una cosa, le pensa che i miei reni abbiano un diametro nella norma?
Diametro longitudinale dx: mm101
Diametro longitudinale sn: mm98

Le chiedo questo perchè il nefrologo dove sono andato mi ha prescritto una scintigrafia renale per il volume dei miei reni. Solo che non capisco perchè visto che nell'ecografia fatta da poco c'era scritto:
Reni in sede, con regolare volume e morfologia, senza alterazioni dell'ecostruttura e dello spessore parenchimale cortico-midollare.
Diametro longitudinale dx: mm101
Diametro longitudinale sn: mm98

La ringrazio
[#16] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Egregio Utente,
l'ecografia renale è un esame operatore dipendente e basta una minima inclinazione della sonda per dare risultati diversi daoperatore a operatore.
Il giudizio su un esame ecografico in relazione ad alterazioni dimensionali di un rene vanno dati considerando anche altri parametri quali lo spessore parenchimale il volume renale.Nello specifico ritengo che due reni così come descritti per una corporatura come la sua (1.70 m di altezza normopeso) siano adeguati .Nello specifico ritengo che il Collega che l'ha valutata abbia deciso di sottoporla ad una scintigrafia renale anche per avere indicaizoni sulla funzione renale misurabile attraverso le curve renografiche.
Cordiali saluti
[#17] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Dottore buonasera,
volevo dirle che chi le ha inviato questi consulti è il mio ragazzo. Lui è alto 1.80 e pesa 80 kg.
[#18] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Salve dottore, mi scusi se la disturbo nuovamente. Ho effettuato le analisi del sangue e delle urine e sono risultati leggermenti alti:
creatinina 1.25
calcio
bilirubina diretta
colinesterasi 12100
albumina
e la densità delle urine 1.027

Mi scusi se non le indico esattamente i valori ma al momento non lì ho cn me. Voleva sapere questi valori che cosa indicano?Come le dicevo sono leggermente alti. E' preoccupante?
Attendo una sua risposta e la ringrazio.
[#19] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Egregio Signore,
i valori da Lei riportati sono alquanto difficili da interpretare: nello specifico l'unico dato comprensibile è la creatininemia pari a 1.25 mg/dL ;utilizzando le varie formule a nostra disposizione epr il calcolo della filtrazione glomerulare (clearance della creatinina) ovvero una misura della funzione renale rapportata al peso,alle masse muscolari e all'età si denota una funzione normale (formula di Cockcroft 102.ml/min CKD API 80 ml/min).La valutazione della funzione renale attraverso queste formule ha una percentualedi errore pari al 5-10% (quindi molto attendibili).Nei consulti precedenti avevamo era già stata posta indicazione ad eseguire una scintigrafia renale dinamica!!!!... per valutare precisamente e senza fonti di errore la funzionalità renale senza errori e fonti di confondimento.
Cordiali saluti
[#20] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Come sempre la ringrazio per la celere risposta. La scintigrafia renale l'ho effettuata e domani andrò a ritirare il referto. La creatinina si è abbassata rispetto alle analisi di qualche mese fa.
Il fatto di avere la bilirubina diretta, l'albumina e la colinesterasi lievemente alti, che cosa comporta? Problemi epatici?