Utente 268XXX
Amico 49 anni , fumatore , non praticante attività fisica, non forte controllo sullo stile alimentare corretto ( sale /grassi ) in cura per pressione alta (150 - 160 ) / ( 91 - 101 ) con doxazosina. Colesterolo valore medio 230 ( trattato con dermolipidplus rientrato a 195 ) . In corso gli accertamenti per determinare causa per ipertensione.

Eseguito trattamento 7 / 10 gg di doxazosina a 2mg dì , nessun cambiamento pressione, passato sotto controllo medico di base curante a 4mg dì da 4gg al momento nessun cambiamento pressorio anzi riporta innalzamento ritmo cardiaco da 90 a 100, alcuni lievi capogiri dopo qualche ora dall'assunzione serale al momento all'atto di porsi in posizione eretta.

Come spesso mi capita , al procedere di una cura , il medico fornisce la posologia ma di rado avvisa come deve essere l'andamento di recupero o quali sono i segnali che il paziente deve prestare per ripresentarsi al medico in modo appropriato senza allarmismi o sottovalutazioni.

Nel caso specifico mi potete indicare come mediamente si dovrebbe comportare l'andamento pressorio nel tempo e a quali segnali si deve prestare attenzione nell'uso di questo farmaco.
In parole povere non riusciamo a comprendere se ci si deve aspettare una azione terapeutica lenta o essendo trascorsi già quasi 2 sett. di trattamento si dovrebbe riscontrare un miglioramento o la dose è ancora insufficente ?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
La doxazosina è un vasodilatatore e può determinare incremento della frequenza cardiaca e disturbi dell'equilibrio nei cambi posturali. Personalmente non preferisco l'utilizzo di questo farmaco per la cura dell'ipertensione arteriosa, che nel caso del suo amico sicuramente è presente e la valutazione diagnostica sulle cause và approfondita. Esistono altre molecole, però e differenti dalla doxazosina, che tralaltro da quanto riporta non è efficace nel caso specifico. Ne parli con un cardiologo di fiducia.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
La Ringrazio per la risposta.