Utente 191XXX
Salve,
da qualche anno mi compare sulle dita delle mani (specialmente gli indici, ma ultimamente sono interessante anche altre dita) uno sfogo rossastro, tipo bolloso, molto pruriginoso soprattutto col caldo, che col freddo tende al violaceo. Viene improvvisamente, dura anche un mese, poi si risolve da solo prima seccandosi e poi sparendo lasciando solo qualche segno leggero. Mi viene indistintamente a febbraio come ad agosto, e l'estate col caldo prude anche di più.
Il dermatologo ha prima ipotizzato un granuloma anulare, poi dalla biopsia cutanea è risultato "eritema pernio".
Mi sono poi state prescritte delle analisi del sangue per escludere eventuali malattie autoimmuni che ho appena ritirato; DNA nativo (anticorpi) NEGATIVO; Anticorpi ANA NEGATIVO; ENA screening anticorpi NEGATIVO. Più velocità di sedimentazione, proteina C reattiva, sideremia, glicemia, tutto nella norma. Valori tiroide nella norma, ed emocromo completo nella norma, tranne un valore leggermente alterato che è l'MCH di 32,5 (da 27 a 32). Unica nota è: siero debolmente itterico.
Sarebbe possibile dunque avere la micro-circolazione delle dita talmente sensibile da provocare i geloni anche in estate (con caldo e la moltissima umidità del posto in cui vivo)?
Aspetto un Vostro parere, grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Con vari distinguo l'eritema pernio è sinonimo di "gelone".
Con questo capirà che questa alterazione del microcircolo è da aspettarsi soprattutto d'inverno , anche se è possibile evocarla anche d'estate con immersioni in acqua fredda o semplicemente "fresca".
In questo caso la spiccata sensibilità è certa e bene ha fatto il suo medic ad estendere la diagnostica.
cordialità