Utente 471XXX
Egregi dottori,
Faccio una premessa che potrebbe essere utile ai fini del consulto.
SIn da quando ero ragazzino e molto prima dell'età della pubertà avevo intuito che non sarei diventato un maschio ben virilizzato. La "profezia" si è puntualmente avverata con tutto quello che ne consegue dal punto di vista psicologico che non sto qui a raccontare. Al tempo ( ora ho 46 anni, sposato con due figli) mi sono rivolto anche ad un endocrinologo che mi ha dichiarato normale e che non avrei dovuto fare nulla. Il tempo mi ha fatto superare la cosa ma ultimamente ho notato un certo calo della libido e delle erezioni che io considero "indebolite". Parlandone con il mio medico di famiglia mi sono stati prescritti degli esami di cui riporto l'esito

LH 1,5 (VN 1,7 - 8,6)
FSH 1,2 ( VN 1,5 - 12,4)
Test. total 4,17 ( VN 2,4- 8,3)
Test. free 6 ( VN 8,7 - 54,6)
HSBG 40
Estradiolo 21 (VN 10 - 52)
DHT 659 ( VN 250 - 990)

Con questi dati mi sono rivolto ad un endocrinologo che mi ha confermato di non dover fare nulla e mi ha prescritto il cialis 5 mg per migliorare le erezioni. Cosa ci possa trovare normale in questi esami proprio non lo so. Certo è che la mia sensazione che ci fosse qualcosa di migliorabile veniva rafforzata così come la mia frustrazione. Allora mi sono messo a studiare la cosa e ho indagato sui motivi che possono portare a valori bassi dell' LH e dell' FSH e ho intrapreso un mio percorso terapeutico fatto tutto da solo e che prevede l'uso di un farmaco il cui principio attivo è l' xxxxxxozolo che dopo 4 mesi a 1,5 mg a settimana mi ha portato ad avere i seguenti valori:

FSH 2,4 mUI/ml ( + 100 %)
LH 4,5 mUI/ml ( + 200 %)
Estradiolo 21 pg/ml
Test 6,90 ng/ml ( +80 %)
SHBG 35

Ho appreso con piacere che la mia ipofisi funziona benissimo, Mi sento molto meglio ( riesco a reggere il peso del lavoro anche nella seconda parte della giornata) ho la sensazione di maggiore forza e anche le mie erezioni sono migliorate.
Adesso per favore non rimproveratemi , vero , ho sbagliato , ma forse hanno sbagliato anche i medici che mi hanno visitato e valutato i miei esami ( a proposito vedo che per analoghi valori , in questo sito si è considerata la terapia sostitutiva "condivisibile".
La domanda che vi pongo è la seguente:
Posso continuare ad usare quel farmaco? A cosa devo stare attento? Quali esami devo fare per mantenere sotto controllo la situazione?

Grazie , complimenti per il servizio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,se si sente così ispirato da offrirci lezioni di terapia medica,Le dico che anche noi ,pur dalla nostra postazione telematica,abbiamo la competenza per ricordarle che le autoprescrizioni nascondono sempre dei rischi che spesso,come nel Suo caso,vengono sottovalutati.Un Medico serio non prescrive terapie "a sensazione" e,quindi,La invito a non prendere iniziative personali.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 471XXX

Iscritto dal 2005
Dott Izzo, La ringrazio per la pronta risposta.
Voglio però precisare che la mia non era ne voleva essere una lezione ma solo un grido di dolore di un paziente forse incompreso.
Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non capisco dove nasca l'incomprensione.Si allontani dal web e si affidi alla competenza di uno specialista reale.Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 471XXX

Iscritto dal 2005
Ecco dottore, io mi sono affidato allo specialista dal vivo . Quello che non capisco è che si considerino valori normali quelli che per il laboratorio sono considerati al di sotto della norma.
[#5] dopo  
Utente 471XXX

Iscritto dal 2005
Ecco dottore, io mi sono affidato allo specialista dal vivo . Quello che non capisco è che si considerino valori normali quelli che per il laboratorio sono considerati al di sotto della norma.
[#6] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...è totalmente fuoristrada...la diagnosi e la strategia terapeutica si avvalgono dei numeri e delle percentuali ma non si fondano solo su di essi che esprimono unicamente delle valiutazioni quantitative e non qualitative.Il testosterone libero,ad esempio,non è attendibile in quanto non facilmente dosabile.Cordialità.