Utente 269XXX
Buongiorno dottore, sono una donna di 34 anni che durante gli ultimi venti anni ha sofferto numerosi casi di svenimenti. All'inizio erano causati da una forte dismenorrea, che poi ho curato con la pillola anticoncezionale.

Negli ultimi anni sono capitati casi di svenimento indipendenti dal ciclo mestruale. Poiché gli avvenimenti erano ridotti a non più 3 o 4 casi all'anno, venivano associati a stress, gastroenterite, coliche addominali ecc.

Durante gli ultimi 3 mesi, invece, gli episodi di malessere si sono accentuati (senza che ci fosse un legame apparente con il ciclo mestruale), portandomi per 2 volte a svenire completamente ed in altre 2 occasioni ad andarci vicino.

Questi sono i sintomi che avverto ogni volta: giramenti di testa, tachicardia, tremore di braccia e gambe, forte nausea e vomito, bassa pressione, dolori addominali con coliche ed, infine, perdita di conoscenza totale per alcuni secondi.

La ripresa è lenta e molto spesso accompagnata da forte nausea che dura circa 2 ore.

La mia pressione arteriosa nel quotidiano è di circa 100/60 e circa 65 battiti per minuto.

I numerosi esami clinici eseguiti negli anni non hanno evidenziato alcuna patologia degna di nota. Anche nelle ultimissime analisi del sangue ed una risonanza magnetica all'encefalo non ha portato ad alcun risultato.
A giorni dovrei eseguire un ecocardiodoppler ed un elettroencefalogramma con privazione del sonno.

A seguito di alcune ricerche sul web, ho riscontrato similitudini con i casi di sincope vasovagale.

Ritiene questa una possibile strada da valutare o, possono esistere altre patologie?

Voglio aggiungere, infine, che negli ultimi periodi avverto un grande senso di fatica fisica per qualsiasi operazione del quotidiano,dall'alzarmi dal letto la mattina al semplice camminare.

In attesa di una sua risposta la saluto ringraziandola anticipamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente.
La sincope vaso-vagale potrebbe essere una spiegazione che ha un basso impatto prognostico (ossia difficilemnte porta a conseguenze cliniche degne di nota). Occorre tuttavia escludere, con gli accertamenti che le sono stati proposti e con altri che le potrebbero essere consigliati (penso per eempio ad un Holter), cause che invece possono essere piu' gravi oppure che possono essere rimosse, con grosso beneficio.
A disposizione per ulteriori consulti