Utente 185XXX
Salve, ho 29 anni e sto attraversando un momento difficile: ho una sospetta malattia demielinizzante e mi sto sottoponendo ad alcuni accertamenti. Dato che ho tanti progetti da realizzare, tra cui un figlio con la mia compagna, vorrei fare alcune domande:

Il subire periodiche risonanze magnetiche all'encefalo e al midollo spinale (anche con gadolinio come liquido di contrasto) può influenzare sulla mia fertilità? Se si in quale modo?

Per lo stress di questo periodo sto assumendo ansiolitici e antidepressivi, sotto controllo del medico: questi farmaci possono influire sulla fertilità? Se si in quale modo?

Vi ringrazio molto, ci terrei ad un parere serio e professionale come il vostro.

Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,dinanziad una malattia progressiva ed insidiosa,i quesiti da Lei posti,pur legittimi,sono di difficile interpretazione in quanto non sono specificati i dosaggi e la tipologia dei farmaci assunti.Le ripetute risonanze non incidono sul potenziale di fertilità.
Ha mai eseguito uno spermiogramma,dei dosaggi ormonali e,soprattutto,una visita andrologica?Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
Fino adesso non ho mai ritenuto fosse necessario..Mi viene da porle la domanda adesso, in quanto mi trovo in questa nuova e terrificante situazione.
Quindi prima di sottopormi a terapie o indagini diagnostiche di un certo tipo vorrei avere piene informazioni sui rischi di eventuali farmaci.
Attualmente sto utilizzando soltanto Lorans (ansiolitico), 1mg al giorno, e ho effettuato quella risonanza magnetica di cui le parlavo. Nemmeno il gadolinio e' dannoso alla fertilità?
Porti pazienza, ma non vorrei scoprire certe cose quando e' troppo tardi.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
nulla di questo è danjnoso, ma uno spermiogramma andre4bbe fatto di default a tutti i ventenni. I farmaci presntivamente dannosi sono soprattutto immunosoppressivi, citostatici, alcuni antibiotici. Ma fino ad ora non pare che lei abbia ssunto nulla di questo. Utile comunque spermiogramma.
[#4] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
Buonasera dottore,

chiaramente non avendo ancora una diagnosi certa non posso riferire a quali terapie eventualmente sarei sottoposto.
Premesso che spero fortemente di non avere la sclerosi multipla, qualora invece fosse il mio caso, mi piacerebbe condividere con voi le eventuali terapie prescritte, prima di iniziarle, in modo da sapere se possono pregiudicare la mia fertilità, considerato il progetto famigliare con la mia compagna che un giorno vorremmo intraprendere.
Se non ho capito male le terapie usate normalmente a base di immunomodulatori non presentano controindicazioni in tal senso; mi hanno detto che soltanto le terapie più aggressive possono portare problemi di questo genere; chiedo conferma anche a lei, che ha sicuramente più esperienza di un neurologo in questo ambito.
Nei prossimi giorni mi sottoporrò a ecocardiogramma e a ecocolordoppler transcranico: questi esami possono essere dannosi per la fertilità maschile?
Spermiogrammi sinceramenti non ne ho mai fatti, posso riferire che qualche anno fa la mia ex-compagna e' rimasta incinta nell'unico rapporto "a rischio".
Mi baso volentieri sui suoi consigli

Grazie, cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
a disposizione nessuno degli esami è a rischio per fertilità ed ancora auguironi di cuore.
[#6] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno dott. Cavallini,

non ho ancora una diagnosi in mano; mi ero dimenticato di chiederle se il cortisone può creare problemi (temporanei o definitivi) per la fertilità maschile, ed eventualmente se mi può spiegare nel dettaglio.
Stia tranquillo, se sara necessario faro le cure prescritte, ma vorrei sapere prima se ci sono rischi per la fertilità, avendo un progetto di famiglia con la mia compagna.

Grazie per la pazienza, so che sto mettendo il carro davanti ai buoi ma purtroppo i pensieri corrono

Cordiali saluti e buon fine settimana
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
molti meno di quelli che pensa. I problemi eventuali sarebbero comunque temporanei e limitati al massimo ad una paio di mesi dalla dismissione del farmaco
[#8] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
Buonasera dott. Cavallini,

approfitto nuovamente della sua gentilezza, chiedendole se l'utilizzo di antidepressivi o ansiolitici(in quantità normali) può creare problemi per l'infertilita maschile.
Le chiedo anche se la cosa può dipendere da quanto tempo duri la terapia e se comunque si tratterebbe di una infertilita soltanto momentanea (ed eventualmente recuperabile in quanto tempo), o se i danni possono essere permanenti o quasi.
Ci tengo molto a sapere le cose in totale trasparenza.
Grazie ancora e mi scusi per le tante domande, cordiali saluti
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
non creano prblemi alla fertilità in sè intesa come prodzione di spermatozi ma forse alla eiaculazione: la ritardano oppure rendono inferiore il volume, che potrebbe tradursi in minore fertilità. In linea teorica, dati non provati.
[#10] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
Questi possibili effetti collaterali sono da considerare provvisori e reversibili con certezza in breve tempo dopo la sospensione dei farmaci? Oppure possono creare problemi permanenti?
[#11] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
quelli elencati sono tutti provvisori.
[#12] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
Buonasera dott. Cavallini; il medico mi ha proposto l'antidepressivo daparox (paroxetina); ho letto che questo farmaco può creare problemi alla fertilità e al dna degli spermatozoi.
Le chiedo gentilmente la sua opinione, e se eventuali danni di questo farmaco sono reversibili (e in quanto tempo) oppure se possono creare problemi permanenti all'infertilità.
Mi rendo conto che la domanda è simile alla precedente, ma in questo caso è riferita a questo farmaco in particolare.
Grazie, cordiali saluti
[#13] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
A me non risulta che faccia qualche cosa, ma ev. basta sospendere.
[#14] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2010
Buonasera dott. Cavallini, dopo una serie infinita di accertamenti, è stata attribuita una causa vascolare ai miei problemi di salute; per questo motivo mi è stata prescritta una cardioaspirina da 100 mg. al giorno (acido acetilsalicilico).
Trattandosi di una terapia leggera ma di lungo periodo, ci terrei a sapere se questo farmaco incide in qualche modo sulla fertilità maschile, dato che io e la mia compagna non abbiamo ancora figli, ma valuteremo sicuramente questo progetto per il futuro.
La ringrazio in anticipo per la sua disponibilità.
Cordiali saluti e buon fine settimana
[#15] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
non incide