Utente 161XXX
Gentilissimo dottore vorrei esporre il mio caso. Circa tre anni fa mi è stato asportato un ascesso nella zona perianale, dopo pochi mesi si è formata una fistola, diagnosticata complessa.Non volendo affrontare l'intervento ho avuto la fortuna che l'orifizio della fistola si apre periodicamente, ogni venti trenta giorni e drena sangue a acqua.Negli ultimi mesi ho avuto fastidi alla prostata, niente tumori ma è ingrossata, e alla cistoscopia è risultata molto infiammata. Ho fatto 10 gg di Keraflox 600 e Ugurol per via orale per sanguinamento nelle urine.Con la prostata sto abbastanza bene ma sono trascorsi quasi trenta giorni e la fistola non si gonfia e non si apre naturalmente come sempre. C'è relazione tra i farmaci e la fistola? Può l'ugurol e l'antibiotico bloccato il naturale processo di drenaggio. Sono preoccupato che si riformi l'ascesso. Grazie, attendo una risposta.
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Escluderei delle relazioni.
Il primo prodotto è un antiemorragico ed il secondo un antibiotico per le infezioni delle vie urinarie.
Piuttosto non mi accontenterei del fatto che la fistola debba come "regola fissa" drenarsi spontaneamente, ma, visto che si tratta di fistola complessa, effettuerei dei controlli proctologici periodici oltre che ecografici.

Saluti
[#2] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo Dottore, La ringrazio per la risposta esauriente. Desideravo saper in cosa consistono i controlli proctologici.Grazie
[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Consistono nella visita medica specialistica in ambulatorio di coloproctologia, con annesso controllo ano-rettale endoscopico (ano-proctoscopia).

Saluti