Utente 262XXX
Buonasera a tutti, sono una ragazza di 27 anni, ed espongo qui il mio problema; premetto che non bevo alcoolici, non fumo, non faccio attività sportiva, non bevo caffè ne coca cola o derivati e sono magra di costituzione. Soffro di tiroide e la curo con Eutirox 75 ormai da 4 anni e gli esami del Tsh sono sempre usciti buoni. Oltre alla tiroide ho un grosso problema, ossia ho la tachicardia: il primo evento di tachicardia parossistica si è verificato 4 anni fa ed è stato quando mi hanno diagnosticato la tiroidite cronica, e l'attacco è durato 1 ora e mezza e si è calmato solo in pronto soccorso; da allora il mio battito cardiaco ruota sempre intorno ai 90/100 (quando sono a riposo), ma i dottori mi hanno sempre detto che per chi soffre di tiroide è una condizione normale. Due mesi fa ho avuto un nuovo attacco di tachicardia parossistica con la registrazione di 183 battiti al minuto, e anche in questo caso c'è stato il ricovero al pronto soccorso. In due mesi ho fatto un sacco di analisi: un Holter 24 ore che ha registrato una media battiti di 88 al minuto, con un minimo di 55 e un massimo di 164, la presenza di un solo battito sopraventricolare e assenza di aritmie considerevoli; l'ecocolor doppler ha fatto registrare un billowing della valvola con struttura normale. Detto tutto ciò, il mio dottore ha detto che il mio problema è l'ansia e che devo mantenere la calma, solo così riesco a risolvere i miei 102 battiti registrati al mattino. Escludendo qualsiasi problema cardiaco e attribuendo la colpa dei miei mali all'ansia, il cardiologo mi ha prescritto i BETABLOCCANTI (nello specifico "atenololo alter")...ora la mia preoccupazione è questa: è normale prescrivere dei betabloccanti a una ragazza di 27 anni solo perchè (a detta del dottore) soffre di ansia e non riesce a controllare i suoi battiti???Aggiungo che l'episodio di tachicardia parossistica registrato due mesi fa è sopraggiunto quando ero in vacanza in spiaggia, quindi nel relax più totale. I betabloccanti non sono caramelle, io ho iniziato ad assumerli, ma ho paura di non riuscire più a liberarmene, e in più assumo i betabloccanti al mattino insieme all'eutirox (a me non sembra normale come cosa)...Un saluto a tutti e a chi riuscirà ad aiutarmi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Il bb viene usato per ridurremla tachicardia che in questo caso pare sia legata al distiroidismo. Stia tranquilla non e' nulla di preoccupante
[#2] dopo  
Utente 262XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno dott. Miraglia, grazie per la risposta, però vorrei sottolineare che l'endocrinologo a luglio mi aveva proposto di ridurre l'eutirox e di eliminarlo totalmente entro natale, sostituendolo con degli integratori, perchè a sua detta il mio problema di tiroide non era molto grave al punto di continuare con l'eutirox; quindi detto, ciò esiste realmente la possibilità che la mia tachicardia sia legata alla tiroide? è normale avere i battiti sui 90/100 e di iniziare con i betabloccanti già alla mia età??Quali sono gli effetti nel caso un giorno vorrei interromperli...Saluti
[#3] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
il betabloccante puo' essere interrotto in qualsiasi momento, basta che si faccia a scalare e non di "botto"
[#4] dopo  
Utente 262XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dottore, faccio tesoro della sua risposta e posto il problema tachicardia anche al settore endocrinologia...