Utente 231XXX
salve, ho il mio compagno a letto con la febbre a 38 e 1... ieri aveva raffreddore e mal di gola ma con tantum activ gola è passata. Era senza febbre ma con dolori alle ossa e purtroppo il medico non c'era già più.
Stamane aveva raffreddore e 38 di febbre, gli ho dato circa verso le 9 efferalgan 1000 che gliela abbassata a 37 e 2... ora gli è risalita a 38 e 1. Devo aspettare cena per ridarglielo? Oppure posso anche ora? Io non vorrei superare le dosi di due efferalgan mille al giorno perchè non credo che sia una febbrona quindi...

grazie per le risposte...
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Conviene utilizzare l'antipiretico se la febbre è particolarmente alta (> 38°) ed il paziente mal la sopporta (spossatezza, dolori articolari),
tenuto conto che la febbre è un meccanismo di difesa messo in atto dall'organismo.
L'intervallo delle somministrazioni non deve superare le 4-6 ore,
ovviamente si deve evitare l'autogestione, facendosi visitare e consultandosi con il proprio curante.

Saluti