Utente 608XXX
Salve a tutti, sono una ragazza di 27 anni,fino a un anno e mezzo fa avevo la pelle del viso splendida, raramente usciva qualche brufoletto e seppur lo schiacciavo non succedeva nulla...cmq
proprio un anno e mezzo fa ho dovuto ricorrere alla pillola del giorno dopo e pian piano ho visto la comparsa di brufoli sotto pelle ,ed ora addirittura la dermatologa mi ha detto che ho la pelle grassa...volevo chiedervi se c'è un collegamento con la pillola ,o può essere dovuto allo stress abbastanza forte di quest'ultimo periodo...
io ho dimenticato di parlarne con la dott.ssa..
cmq la sua cura è stata detersione quotidiana con Micronorm glico 5, e creme mattina Differin gel1% e sera Duac gel 1-5%, cosa ne pensate andrà bene?
si toglieranno anche le macchie dei brufoli scoppiati?
vi ringrazio sin da ora!!!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo
28% attività
12% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Egr. utente di Medicitalia, l'assunzione della cosiddetta pillola del giorno dopo, può in rari casi associarsi ad una pelle più impura (es: acne) e ad un minimo irsutismo (aumento lieve della peluria del viso), così come indicato negli effetti collaterali del foglietto illustrativo. Si tratta di effetti generalmente rari, transitori e pian piano reversibili sotto la guida del Suo dermatologo di fiducia. Anche un forte periodo di stress, a volte può essere una concausa (psico immuno dermatologia), ma dare la colpa allo stress per tutto è forse un pò troppo superficiale. Sia lo scrub che i farmaci da Lei indicati, rientrano tra quelli utilizzati normalmente in dermatologia. Chiaramente la valutazione di efficacia e sicurezza di tali prodotti viene valutata di volta in volta dallo Specialista Dermatologo al momento della visita. Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 608XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio davvero tanto , ma se mi permette le faccio un ultima domanda , se non è dovuto nè allo stress nè alla pillola ,quale ragioni ci possono essere dietro l'apparizione di questi brufoli?
[#3] dopo  
Utente 608XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno gentile staff di medicitalia..approffitto ancora un pò della vostra disponibilità.
Sono andata a fare la seconda visita dermatologica e visto che la prima cura non aveva prodotto grandi risultati la dott.ssa mi ha prescritto:
Duacgel 1-5% stiefel la mattina e Airol lozione o,o% la sera.
La dott.ssa mi ha detto che i miei brufoli sono piccole cisti, ma queste in alcuni casi piuttosto che asciugarsi o espellere il bianco si trasformano in rigonfiamenti rossastri che passano solo dopo 2-3 settimane. Volevo chiedere :come mai avviene ciò?
e se mi resteranno i segni x questi rigonfiamenti?
Grazie mille!
[#4] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, l'acne può presentarsi in vari quadri in base all'obiettività clinica delle lesioni e può essere di entità lieve,moderata o grave in base all'estensione ed alle regioni interessate.Pertanto innanzitutto l'inquadramento che viene fatto attraverso visita e visione diretta del problema,poi vanno indagate eventuali cause scatenanti(vedi accertamenti di tipo ormonale in primis corredati solitamente da un'ecografia pelvica) soprattutto nei casi come il suo che rientrano tra le acni tardive.Pertanto la esorterei a porre tali domande anche alla Dermatologa che la sta seguendo realmente e che meglio di noi può darle delle risposte e farle eseguire gli accertamenti di cui sopra, se ritenuti necessari.Una volta ottenuto il quadro preciso, le terapie saranno una conseguenza.
Cari saluti
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

cerco di spiegarle in breve perchè accade questo:

L'ACNE di qualsiasi genere e tiologia, non è un momento signolo, ma un PROCESSO MULTI-STEP che ingloba diverse situazioni patogenetiche le quali conducono alla lesione acneica finale:

tali processi sono:

1) iperincrezione ormonale aumento della recettorialità agli ormoni

2) iper-differenziazione cheratinocitaria delle cellule del follicolo pilo-sebaceo

3) cheratinizzazione infundibolare

4) contaminazione batterica ad opera del P. acnes

il suo problema quindi, visibile anche ad occhio nudo è relativo alla fase 3 che diventa poi 4 (microcisti comedonica, poi sovrapposta dall'infezione)

quindi le consiglio di segire la strada dermatologica che deve ben inquadrare la sua ACNE nell'ormai condiviso "ALGORITMO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELL'ACNE" cui seguiràla cura specifica che non può esulare dalla tipologia e dal grading della stessa ACNE.