Utente 243XXX
Salve,
circa 15 giorni fa ho dovuto spostare un discreto numero di mattoni (vecchi, rossi, non lisci). Il lavoro non essendo particolarmente "insidioso" l'ho svolto a mani nude. Il risultato è stato una levigazione della pelle dei polpastrelli. A distanza di qualche giorno è iniziata una desquamazione abbastanza intensa della pelle. E' confinata ai polpastrelli o poco più sotto, la mano dx è più danneggiata, si intravede la pelle "nuova" ma, mi sembra, che dopo anche quella si secchi e diventa poco elastica e giallognola fino al distacco.
Ho usato una crema idratante per pelli secche ma ho osservato già il giorno dopo uno strano prurito alle mani, senza arrossamenti, che si è rispolto spontaneamente dopo 3-4 giorni. Nella stessa applicazione, ho usato la stessa crema anche sulla pianta dei piedi; anche lì è comparso questo prurito, risoltosi in 4-5 giorni.
Il medico di base, a cui mi ero rivolto per altre cose, mi ha guardato rapidamente le mani e, forse perchè avevo riferito del solo lavoro "causa" del problema, mi ha prescritto la crema Codex V (che non ho ancora preso).
Non ho mai sofferto di problemi alla pelle.
Dovrei preoccuparmi??
L'aggressione alle mani dovuta al lavoro intenso puo' essere ritenuta la causa???

grazie
[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
8% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
Il contatto da parte della cute delle mani con sostanze di varia natura può talora determinare l'insorgenza di una dermatite da contatto di tipo irritativo (DIC) od allergico (DAC). Oppure il traumatismo può determinare la comparsa di dermatosi latenti, quali ad esempio la psoriasi, secondo il noto fenomeno di Koebner. Non é possibile stabilire a distanza quale di queste forme possa essere quella che ci descrive. Pertanto, in caso di persistenza dei sintomi anche dopo l'applicazione di creme lenitive, le consiglio di consultare un dermatologo per ottenere una diagnosi orientativa.
Cordialissimi saluti