Utente 270XXX
Salve, sono un ragazzo di 25 anni, clinicamente sano, senza nessun tipo di patologia. Non bevo, non fumo e pratico una regolare attività sportiva (palestra). Da un po' di tempo ho notato frequenti episodi di disfunzione erettile. Mi capita, quando sono con una ragazza, che spesso non riesco ad avere un rapporto sessuale in quanto non raggiungo l'erezione. Tutto questo nonostante abbia un forte desiderio. Non ho problemi invece per quant riguarda la masturbazione. In questo caso ho erezioni normali e durature e tutto si conclude nell'assoluta normalità. Descrivo un episodio successo poco tempo fa: ero con una ragazza che frequento da un mese. Eravamo in casa mia, soli, ad un certo punto iniziamo i preliminari ma quando si tratta di arrivare al rapporto completo io non raggiungo l'erezione e la cosa finisce lì. Due ore dopo, mentre eravamo in un locale, ci siamo scambiati qualche bacio e lì ho avuto un'erezione. Descrivo questo episodio perché non mi è successo solo in quell'occasione, ma anche in altre, a distanza di qualche mese. In sostanza mi capita che quando devo avere un rapporto non ho l'erezione, ma in altre occasioni si. Vorrei avere un parere da esperto in materia.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Gentile ragazzo, la Sua storia e la Sua giovane età permettono di escludere a priori una Disfunzione Erettile su base organica (cioè da una qualche malattia).
Alla Sua età gli "insuccessi" sono abbastanza diffusi e dipendono dalla insicurezza, dalla paura di non essere all'altezza ovvero, in breve, dall'ansia di prestazione.
Un tempo, prima della diffusione dell'informazione sul WEB o semplicemente in assenza di medici specializzati cui rivolgersi, gli insuccessi duravano fino a quando la carica erotica ed il desiderio avevano la meglio ... sull'ansia di prestazione.
Questa strada è sempre valida, ma in alternativa può consigliarsi con uno specialista andrologo o psicosessuologo.
Personalmente sono dell'idea che "medicalizzare" subito le cilecche sia un'arma a doppio taglio. Si dia un pò di tempo poi, eventualmente, chieda aiuto. Cordiali saluti ed incoraggiamenti!