aorta  
 
Utente 262XXX
Buongiorno,
mia nonna 73 anni lunedì è stata operata al San Raffaele per la sostituzione del tratto di aorta ascendente e sostituzione valvola. l'operazione è durata 5-6 ore e il chirurgo in uscita mi ha spiegato che l'operazione è andata bene dal punto di vista chirurgico.
Ieri sono andata a trovarla in terapia intensiva e la dottoressa mi ha detto che durante l'operazione il cuore a necessitato di farmaci ma tuttavia ha risposto bene ad essi. Il problema sta nel fatto che faceva fatica a svegliarsi e a mala pena sapeva come si chiama. Sono entrata io, e continuava a lamentarsi dicendo "Aiuto mamma", la chiamavo e si girava aprendo gli occhi, ma quando le dicevo "Chi sono?" diceva "Morta". Diceva solo queste cose. quando è entrato mio nonno l'infermiera ha detto "chi è lui?" e lei l'ha riconosciuto, ha detto "è mio marito". Tuttavia i medici dicono che è possibile il danno neurologico.
Voi cosa pensate? Può essere un comportamento da danno biologico o da altro?

Grazie per la vostra disponibilità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
E' difficile dire se il quadro clinico post operatorio sia da danno neurologico e se così è se il danno sia reversibile o meno....a distanza e con i limiti telematici che abbiamo noi di MI poi ....!!!!!
Certo l'età non particolarmente avanzata depone per una possibile evoluzione positiva, ma non è possibile assolutamente trarre conclusioni definitive. Solo una valutazione clino-strumentale più approfondita e di tipo specialistico e l'evoluzione nel tempo potrà dare risposte. Comunque è affidata ad uno dei Centri di eccellezza nazionale, pertanto da questo punto di vista sia serena.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
E' comune nel post operatorio che pazienti anziani possano avere un disorientamento che li porta a non riconoscere parenti o a dire cose senza senso. Il fatto che non abbia deficit motori e che sia stato possibile rapidamente estubarla è un fattore sicuramente positivo e quindi state tranquilli.
cordialmente