Utente 270XXX
salve sono un ragazzo di 22 anni,che oramai da un annetto circa ho dei problemi nel mantenere un erezione.Premetto che non ho mai fatto nessuno tipo di analisi (solo quello del sangue).Documentandomi un po sul web,ho notato che,una serie di analisi,quali eco doppler,cavernogrf ecc ecc,possono essere fondamentali per diagnosticare un eventuale problematica peniena o vascolare che sia,ma fondamentalmente possono dare risultati sia positivi o negativi ma effettivamente anche falsati visto che entrano in gioco altri elementi, come è stato detto anche in questo forum.
Non ho fatto questi esami anche perchè nel momento in cui si riscontra un problema venoso o vascolare la cura è sempre la cosidetta pillola dell amore:cialis viagra ecc ecc.Purtroppo questa è la sacro santa verita.Attualmente nessuno intervento chirurgico puo sistemare le cose.
Il mio quesito è un altro (scusate lo sfogo)
io sono stato fidanzato con una ragazza che amava molto i rapporti intesi.
Rapporti davvero molto consistenti anche per le posizioni.In particolare non ricordo se ho avuto qualche trauma,ma tutto ad un tratto ho iniziato ad avere questi problemi di erezione che li colmavo in certe posizione.Finita la storia con questa ragazza,mi sono frequentato con un altra ragazza,dove il mio pene non voleva saperne nulla.Da un anno la situazione si ripete sempre
ecco il mio quesito:
con eventuali rapporti consistenti,sono stati causa di qualche minitrauma il quale ha portato danni ai nervi cavernosi (nervo dorsale) o ai corpi cavernosi diminuendo le erezioni,anche senza la presenza di dolore??inoltre il mio pene ha una curvatura a sinistra congenita.
scusate ancora

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,le vicissitudini legate al disagio sessuale riferito,L'hanno portata ad un accanimento telematico sfociato in una mala informazione foriera di ulteriori disagi.La strategia terapeutica,cosi' come la prognosi e,soprattuttto,la terapia,devono essere di competenza esclusiva di uno specialista andrologo,esperto e...paziente,che sappia porre una diagnosi rigorosa per poter identificare anche gli scontati aspetti psicosessuoligi e colllaborare,eventualmente,con uno psicosessuologo.La Sua citta' presenza delle Eccellenze andrologiche,cui La rimando,in attesa di aggiornamenti basati sulla realta' e non su di uno esercizio di fantasia,peraltro rischioso.Cordialita'
[#2] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Gentile lettore , eseguire un ecocolor doppler dinamico sarebbe comunque utile per cercare di capire la natura del suo problema . I traumi dell'albuginea ,in seguito a un rapporto sessuale , possono provocare curvature patologiche e/o successivi fenomeni di fuga venosa con conseguente disfunzione erettile . Ritengo sia opportuno nel suo caso farsi valutare direttamente da un andrologo della sua zona .
Distinti saluti
[#3] dopo  
Utente 270XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per
le vostre risposte immediate.
Dott Izzo lei ha ragione che in deteeminati casi e lo specialista che deve dedurre tutto,sono d accordo con lei
D altro canto pero è anche vero che le possibilu cure ci sono momentanee o permanenti che siano.
Invece peer quanto riguarda leu dott De SIati,come ho scritto sopra,avendo avuto rapporti molto intensi,non ricordo abbia subito un trauma.
Se fosse cosi me ne sarei accorto,non so,dal dolore,ematoma e via dicemdo???o indipendentemente da cio,si possono creare delle lesioni all interno all albuginea le quali non si manifestano all esterno e comunque possono portare a qualche curvatura e fuga venosa??
[#4] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Dei microtraumi possono essere la causa o la concausa della malattia di La Peyronie che ssuccessivamente può provocare incurvamento e fuga venosa ma nel suo caso questa ipotesi mi sembra azzardata . Comunque solo una valutazione specialistica diretta può cercare di inquadrare correttamente il suo problema
[#5] dopo  
Utente 270XXX

Iscritto dal 2012
Capisco dottore!!mi scusi per la mia ulteriore domanda.COme lei ha accennato microtraumi possono essere causa di curvatura e successivamente fuga venosa.I microtraumi lievi o gravi non danno alcun dubbio diagnostico??nel senso posso subire un microtrauma senza che me ne accorga??e una fuga venosa accompagnata da curvMento puo avvenire solo con la malattia de la peryon o anche dopo un microtrauma,lesione,botta sul pene indipendentemente dalla malattia??nel senso dopo lesione si puo presentare sempre un incurcamento post non determinato da quest ultima malattia??mi scusi il gioxo di parole e grazie per la sua disponibilita
[#6] dopo  
Utente 270XXX

Iscritto dal 2012
Capisco dottore!!mi scusi per la mia ulteriore domanda.COme lei ha accennato microtraumi possono essere causa di curvatura e successivamente fuga venosa.I microtraumi lievi o gravi non danno alcun dubbio diagnostico??nel senso posso subire un microtrauma senza che me ne accorga??e una fuga venosa accompagnata da curvMento puo avvenire solo con la malattia de la peryon o anche dopo un microtrauma,lesione,botta sul pene indipendentemente dalla malattia??nel senso dopo lesione si puo presentare sempre un incurcamento post non determinato da quest ultima malattia??mi scusi il gioxo di parole e grazie per la sua disponibilita
[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
..non si confonda ulteriormente le idee e si affidi alla perizia di uno specialista reale.Cordialita''