Utente 424XXX
Egr. Dott.
Alla mia bambina di 3 anni è stata diagnosticata dalla pediatra (dai sintomi che avverte) una probabile allergia (o meglio “iperattività”) al polline di alcune fioriture (che molto probabilmente le ha “trasmesso” mia moglie, che è allergica alle parietarie, graminacee, betulle e nocciolo).Ha continue secrezioni nasali (alterna muco liquido con quello piu’ denso e giallognolo), ma senza starnuti e senza lacrimazione degli occhi, russa molto quando dorme ed ha una fortissima inappetenza ! La pediatra ha prescritto uno sciroppo antistaminico (ZADITEN), che però non sta dando alcun risultato + NASONEX spray nasale: quello che vorrei chiederle è se vi sono altri rimedi e se può darmi dei consigli in merito ai farmaci prescritti (leggendo il foglio illustrativo dello ZADITEN mi è sembrato di capire che è piu’ indicato per tosse catarrale e crisi d’asma, cosa che la mia bambina non ha assolutamente, per cui sono davvero scettico sulla somministrazione di questo farmaco alla bambina), se è vero che all’età della mia bambina (33 mesi) le prove allergiche sarebbero inutili, poiché darebbero risultati inattendibili e falsati e se vi puo’ essere una relazione fra lo scatenarsi delle crisi di rinite e la somministrazione di pappa reale. La ringrazio per l’aiuto che vorrà darmi e le auguro buon lavoro !

Piero

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gent.mo Piero,
informi la sua pediatra degli scarsi risultati delle terapia in atto e chieda chiarimento ai suoi dubbi: il medico curante resta sempre il primo riferimento per tutti i pazienti e sicuramente saprà identificare una terapia più idonea.
Qualora anche così non dovesse ottenere risultati soddisfacenti per la sua bambina, potrà rivolgersi ad uno specialista allergologo; crisi di rinite dopo l'assunzione di pappa reale (di provenienza sicura!) sono un'evenienza rarissima comunque facile da evidenziare non somministrando più l'integratore.
Se in ultimo la bambina dovesse continuare a star male le suggerisco l'opportunità di rivolgersi ad un collega esperto in medicina integrata che saprà indicarle una terapia alternativa priva di effetti collaterali; le posso riferire che nel trattamento delle sindromi allergiche in questo modo si ottengono spesso risultati degni di rilievo.
Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 424XXX

Iscritto dal 2007
Egr. Dott. Leone,
grazie per i Suoi consigli ! Le auguro buon lavoro - Piero