Utente 623XXX
Salve a tutti gli esperti. Sono un ragazzo di 30 anni e da 2 mesi e 10 gg circa, soffro di un orticaria cronica generalizzata, così diagnostica dalla visita fatta dal dermatologo. Essa di manifesta con prurito e comparsa di chiazze rosacee (con a volte un nucleo centrale bianco) o strisce dovute probabilmente allo sfregamento grattandomi, nella parti più disparate: viso, collo, schiena, fondoschiena, interno cosce,sotto e dietro il ginocchio etc. fino a sparire di lì a poche ore per presentarsi poi da qualche altra parte. Partendo dal mio stile di vita, fumavo 15 sigarette al giorno e ho smesso da 1 mese, conduco una routine giornaliera abbastanza stressante lavorando in ambito di sviluppo sistemi informatici; anche in conseguenza al poco tempo dovuto al lavoro, la mia alimentazione spesso è piuttosto sbrigativa e disordinata e spesso mando giù a pranzo o a cena qualche bicchiere in più di vino e un bicchierino di limoncello/amaro...di certo non molto salutare ma comunque entro certi limiti moderato.Nell'Agosto feci degli accertamenti di routine che normalmente faccio e da essi mi diagnosticarono - ovviamente - una steatosi epatica, una gastrite cronica e un inizio di ernia iatale. Iniziai a moderarmi e nel 1° Gennaio 2008 smisi anche di fumare. Verso il 12 Gennaio 2008 inizia a comparirmi questa orticaria, vado dal medico e mi dà l' ebastina da 10mg(Kestine) la quale agisce decisamente facendomi scomparire prurito e chiazze e mi dice di aspettare per vedere se è una cosa momentanea dopo avergli detto di non aver MAI sofferto di allergie e non aver nessuna ereditarietà genetica predisponente alle stesse.Quindi dal 12 Gennaio fino adesso per svariati motivi, sottovalutando anche un pò il problema, tiro avanti tranquillamente con brevi periodi di riposo dall assunzione con il Kestine da 10mg e il 5 Marzo 2008 quindi quasi un mese fà, vedendo che questo problema togliendo lassunzione dell'ebastina non tendeva a diminuire inizio seriamentea fare ogni tipo di controllo eliminando TOTALMENTE gli alcoolici, e mettendomi ancor più a dieta. Faccio gli RX al torace di 2 proiezioni: negativo. Faccio le seguenti analisi verso il 13 marzo le quali - essendosi il mio medico curante dimenticato di dirmi di eliminare da almeno 48 ore l'uso di ebastina prima del prelievo - e quindi avendolofatto dopo 24 ore dall'assunzione dell'ultima pastiglia, hanno dato un risultato probabilmente un pò inattendibile (non sò quanta incidenza l'uso dell'ebastina da 10 mg una volta al giorno possa aver su tali analisi e desidererei il vs parere in merito su questa cosa anche):

GammaGT 73 U/l

G.O.T 34 U/l

FOSFATASI ALCALINA (ALP) 134 U/l

G.P.T 38 U/l

L.D.H 304 U/l

Emocromo:
Globuli rossi 4970 *10^3 / ul
Globuli Bianchi 6400 mmc
Hb (Emoglobina) 15 gr%
Ematocrito 45 %
V.G (Valore globulare) 0.96 -
Vol.Cell.Medio 91 fl
Cont.Medio Hb 30.18 pg
Conc.Media Hb 33.33 gr%
Piastrine 253 *10^3 /ul


F.LEUCOCIT. :Neutrofili 60 % v.n 50 - 70
:Eosinofili 0 % v.n 0 - 3
:Basofili 0 % v.n 0 - 1
:Linfociti 36 % v.n 25 - 40
:Monociti 4 % v.n 1 - 6

V.E.S:
1° ora 8 mm
2° ora 18 mm
Indice di Katz 8.50 v.n 2 - 10

TAS (ASLO) 200 UI/ml. v.n fino a 200
PROTEINA C REATTIVA < 6 v.n < 6
IGE Totali: negativo

Nelle Ige totali mi hanno semplicemente riportato negativo come esito senza specifiche avendoli fatti in un altro laboratorio (non credo sia corretto a mio avviso!). Nella Gamma GT Alta (73) il problema è dovuto alla steatosi epatica già diagnosticatami 6 mesi fà e anche di recente dall'ecografista nell'ultima ecografia come in seguito discussa.
Dopo ciò ho fatto una visita dermatologica dove il dermatologo mi ha diagnosticato l'orticaria tramite la dermografia fatta sulla schiena e mi ha prescritto del Kenacort e dei trattamenti topici con pomate (Idroderm). Lui volle partire ad esclusione essendo che l'orticaria può avere miriadi di origini e siccome prendo regolarmente l'esomeprazolo per la gastrite da oltre 2 anni mi ha detto di sospenderlo assieme al Kestine per verificare se potesse essere quello....ma ho fatto tutto come mi ha detto sospendendolo per 1 sett. sia esomeprazolo che Kestine, mangiando normalmente e regolarmente pasta semplice, filetto e/o insalata, mozzarelle, senza bere alcoolici ma l'orticaria non ha accennato a diminuire se non per i primi 2 giorni per effetto del Kenacort, incrementandosi progressivamente nel corso della settimana.
Scartando quindi il discorso farmaci riguardo cause d'intolleranze alimentari non ho ancora fatto i test che farò quanto prima anche se comunque l'orticaria sembra amplificarsi dopo i pasti principali pranzo e cena, e al mattino è tuttavia presente ma la sua comparsa dev'essere maggiormente stimolata per verificarsi (forse dovuta ad una più bassa quantità di istamina presente a causa dell'assenza di alimenti ingeriti) a differenza del dopo pranzo o cena che inizia ad apparire "magicamente" da sola.
Ho fatto quindi un ecografia all'addome in cui il dottore ha ritrovato la steatosi, ma con esito positivo tuttavia in quanto non ha trovato in colon, fegato, milza, reni nessun problema tranne un notevole quantità di meteorismo la quale non gli ha dato la possibilità di verificare però lo stomaco.
Adesso tornando dal mio medico curante mi sono fatto prescrivere una gastroscopia per vederci più chiaro all'interno (anche per rilevare potenziale presenza di helico bacter) e nuovamente le analisi del sangue da fare questa volta però dopo aver cessato l'assunzione di ebastina da almeno 48 ore.
Inoltre sono andato anche dal dentista che mi ha riscontrato - avendo tuttavia degli ottimi denti - svariate carie e una notevole quantità di placca nel cavo orale ma dalla radiografia panoramica non s'individuano granulomi; inoltre ho un dente semi aperto in cui all'interno vi è della carie e spesso quando mangio vi entra cibo all'interno nonostante mastichi dall'altra parte e forse questo potrebbe essere il fattore detonante dell'orticaria, in conseguenza allo sviluppo di tossine anche se questo dente è combinato così da circa 2 anni e mezzo (ho sempre rinviato per farlo sistemare ma questa è la volta buona). Sporadicamente mi appare un piccola febbricola leggera con un senso di stanchezza generale ma questo è dovuto presumo anche maggioramente sia al periodo influenzale vigente sia all'ansia e alla preoccupazione del problema oltre che di sicuro anche a seguito di una risposta immunitaria.
Riguardo invece altre sintomatologie associabili tipo linfonodi del collo,ascelle o addome ingrossati, nausea, vomito o diminuizione di peso e/o dolori generalizzati o localizzati non ne avverto se non ancor più sporadicamente - soltanto colichette leggere dovute probabilmente all'ansia e/o al nervosismo - al colon e all'ernia iatale già riscontrata.
Come Farmaci attualmente prendo solo l'esopral e il peridon e ogni tanto mylicon per il meteorismo.
Tutti gli esami fatti - prelievo del sangue compreso - comunque sono stati fatti nell'arco di tempo che và dal 12 Marzo 2008 fino al 26 Marzo 2008 e la prima comparsa della sintomatologia dell'orticaria è stata verso il 13 Gennaio 2008 con un intensità già accesa e diffusa dopo circa 5 giorni quasi pari a quella di attuale.

Attraverso queste informazioni ci terrei a sapere il parere di voi esperti riguardo la situazione e qualche consiglio e in particolare 2 domande:

1) L'ebastina e/o gli antistaminici in genere possono falsare i risultati delle analisi riguardo le risposte del sistema immunitario e se è sì in quale proporzione e su quale particolare categoria di globuli bianchi?

2) Può la situazione esposta a seguito del tempo trascorso in rapporto ai sintomi e i risultati delle analisi date, escludere completamente o in grande parte la presenza di Neoplasie maligne e non ? Se è sì quali potrebbero essere i fattori indicativi all'esclusione ?

Mi scuso a priori per la lunghezza del post e per l'accentuata specificità delle mie domande ma curioso per natura in questo caso specifico mi ritrovo anche abbastanza preoccupato.

Grazie di cuore in anticipo per il vostro interessamento.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, l'Ebastina agisce come antagonista dei recettori H1 per l'istamina che sta alla base della comparsa dei pomfi,per cui non vengono alterati leucociti totali e formula leucocitaria.
Per quanto riguarda l'esclusione di neoplasie un'indicazione potrebbe averla tramite esecuzione di prelievo venoso e ricerca dei principali markers tumorali.Nella completa relazione riportata non trovo se è stata eseguita a completamento anche una coprocoltura.Per concludere, non scordiamoci anche dell'orticaria idiopatica(senza causa).
Cari Saluti
[#2] dopo  
Utente 623XXX

Iscritto dal 2008
Grazie della sua celere risposta Dott. Benini. Provvederò ad eseguire una coprocultura per ulteriore verifica. La gastroscopia che avrei intenzione di fare me la consiglia di fare comunque oppure mi converrebbe passare prima al vaglio di una visita da un gastroenterologo ?

Cordiali Saluti.

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Direi che è utile una gastroscopia con anche la ricerca dell'H.Pylori.
Di nuovo saluti
[#4] dopo  
Utente 623XXX

Iscritto dal 2008
Ok, la ringrazio dei suoi consigli. Comunque per quanto riguarda potenziali neoplasie presumo che la loro presenza nell'arco di 2 mesi e mezzo quasi dalla comparsa della prima manifestazione dell'orticaria in relazione ai risultati delle analisi esposte fatte qualche settimana fà, potrebbero essere improbabili...altrimenti visto anche che l'ebastina come antagonista dei recettori H1 per l'istamina non altera tali valori, avrei dovuto aver una formula leucocitaria quantomeno alterata e qualche altro valore....è una valida ipotesi secondo Lei ?

Inoltre...in un orticaria idiopatica....il fatto che sia tale mi fà pensare che non vi siano risposte da parte del sistema immunitario rilevabili tramite analisi e verifiche, ciò dovuto appunto per via della sua natura "senza causa"; in un orticaria idiopatica quindi il sistema immunitario è come se incrementasse la sua sensibilità semplicemente non rispondendo però a nessuna minaccia tangibile nell'organismo, dando appunto valori normali nei risultati delle analisi ?
[#5] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, per quanto riguarda la ricerca dei markers tumorali viene effettuata a completamento della ricerca delle svariate cause che potrebbe sottendere un'orticaria,certamente si dovrebbero rilevare altri sintomi ma non avendo con lei un contatto reale,non conoscendo la sua storia clinica, mi sono permesso alla sua iniziale domanda nella quale chiedeva se avesse avuto un nesso la ricerca dei suddetti, di rispondere affermativamente.Per quanto riguarda il termine idiopatica viene associato all'orticaria, quando fatti tutti gli accertamenti, non viene fuori una causa conosciuta(ma sta di fatto che una causa c'è).
Cari Saluti
[#6] dopo  
Utente 623XXX

Iscritto dal 2008
Quindi, potrebbe un orticaria cronica idiopatica in corso ad esempio dare una formula leucocitaria del tutto normale, ovvero linfociti, eosinofili, etc. tutti nella norma ?
[#7] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Certamente,i leucociti e la formula leucocitaria potrebbero risultare nella norma.
Saluti
[#8] dopo  
Utente 623XXX

Iscritto dal 2008
Ciò mi fà indurre a pensare quindi che diventa proprio il sistema immunitario che si sensibilizza "di suo" attraverso qualche causa sconosciuta (probabilmente molte cause sono sconosciute perchè forse non vi sono ancori i mezzi per verificare approfonditamente le influenze/interazioni di specifiche emozioni e stati mentali su ghiandole,tessuti, organi e metabolismo in genere). Nel caso di un orticaria (perdoni le riduttività e semplificazione dell'esposizione del concetto) i mastociti e i basofili che sono le cellule di deposito dell'istamina si "allarmano" senza che vi sia un valido motivo per farlo; da ciò ne deriva che non essendovi un antigene di cui preoccuparsi nello specifico ecco che in risultati di analisi come detto sopra, i valori potrebbero essere nella norma. E' più o meno corretta la mia ipotesi ?

Grazie infinite
[#9] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Stiamo entrando in un campo in cui le conoscenze sono limitate,in cui i fattori scatenanti sono molteplici fino addiruttura ad arrivare in alcuni casi ad associarsi tra di loro(esmpio dell'orticaria da esercizio fisico dopo aver ingerito un determinato alimento,mentre i due fattori non associati non producono alcuna manifestazione).Pertanto tale complessità può far dire tutto ed il contrario di tutto.
Cari saluti