Utente 215XXX
Buongiorno,
Sono a 7 settimane di gravidanza, come spesso accade soffro di nausee e mal di stomaco ogni giorno, questa condizione mi porta a un malessere generale e ad accusare maggiore stanchezza.
Volevo sapere se se richiedo al medico un certificato di malattia per gravidanza ( non quella anticipata), sarei sottoposta alla visita fiscale come nel caso di malattia generica?
[#1] dopo  
Dr. Gilberto Marcello Boschiroli
24% attività
8% attualità
8% socialità
CINISELLO BALSAMO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Gentile Signora,
innanzi a tutto complimenti e i miei migliori auguri per il lieto evento a cui ormai non manca molto.

Il certificato di "malattia per gravidanza" in pratica non esiste. Il suo medico curante può rilasciare il comune certificato di malattia, con inabilità assoluta al lavoro, nel quale non viene mai specificata la diagnosi o altre motivazioni, compresa la gravidanza. In questo caso tuttavia, risultando una semplice malattia, lei rimane soggetta a tutti i vincoli normativi e contrattuali che prevedono la possibilità di una vista fiscale.
L'altra possibilità è quella da Lei già individuata di astensione anticipata dal lavoro per gravidanza a rischio, previa certificazione di un ginecologo di un ospedale o altro ente sanitario pubblico (o accreditato) e conseguente autorizzazione dell'Ispettorato del Lavoro. Ma non mi sembra il suo caso.

Spero di aver risposto esaurientemente e cordialmente la saluto.

Buona giornata
[#2] dopo  
Dr.ssa Susanna Borriero
24% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
oltre a concordare con quanto affermato dal collega Dr. Boschiroli le rammento che esiste una legge a tutela della maternità e allattamento che prevede, tra l'altro, eventuali temporanee modifiche dell'organizzazione del lavoro e/o orario lavorativo e/o mansione per le lavoratrici in gravidanza.
Lei non ha fatto cenno sulla sua attività lavorativa ma nel caso sia una dipendente è bene che comunichi lo stato di gravidanza in modo tale che siano prese le necessarie azioni di tutela stabilite nella valutazione dei rischi in collaborazione con il suo medico competente.
Cordiali saluti