Utente 157XXX
salve a tutti!

vivo in thailandia dove l'11 di settembre di circa 1 mese fa, sono stato ricoverato in ospedale perche mi riscontrarono il tifo,preso a quanto pare per colpa di un acaro.. il dottore mi fece la sera stessa una flebo con un antibiotico ( penicillina Cephalosporins ) la stessa notte ho avuto una forte reazione allergica ( orticaria + angioedema ) tanto che il dottore mi fece una iniezione di adrenalina. dopo 2 giorni mi dimettono dall' ospedale dicendomi che l'allergia sarebbe passata in circa 5, giorni..

siamo gia a circa 4 settimane, se smetto di prendere gli antistaminici l'orticaria comincia nuovamente a prudere, fino a che non riprendo un altro antistaminico..

è possibile che una allergia da antibiotico perduri per piu di 1 mese?

cosa mi consigliate di fare? continuo a prendere gli antistaminici? oppure devo tornare in ospedale? se tornassi in ospedale cosa mi potrebbero prescrivere?

vi ringrazio in anticipo!

un saluto
Simone

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
149046

Cancellato nel 2014
le consiglio di rivolgersi ad un Allergologo per una corretta diagnosi basata su storia clinica, esame obiettivo ed eventuale messa in atto di indagini mirate.
[#2] dopo  
Utente 157XXX

Iscritto dal 2006
Salve Dr. filippo iebba

sono stato ricoverato, mi hanno inniettato un antibiotico, la notte stessa ho avuto una reazione allergica a questa famiglia di antibiotici. (Cephalosporins)

sono sicuro al 100% che dipenda da un antibiotico, quindi non sono da ricercare altre cause sconosciute..

come sono altrettanto sicuro che lei avrà avuto a che fare con casi del genere, potrebbe semplicemente rispondere a questa domanda?

è possibile che una allergia da antibiotico perduri per piu di 1 mese?

grazie
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
è vero che il collega è stato stringato, ma non vedo la ragione di questa Sua "aggressività", poiché Le ha dato esattamente l'informazione di cui aveva bisogno.
La invito - sulla base del Suo stesso racconto - a considerare tre elementi:
1 - Lei descrive una reazione di orticaria-angioedema, cioè un quadro clinico che può essere espressione di un'allergia, ma anche no;
2 - un'eventuale reazione allergica ad un farmaco per via endovenosa insorgerebbe molto (ma molto) rapidamente, non nell'arco di alcune ore come è successo a Lei;
3 - una reazione allergica non può durare un mese, a meno che non ci si esponga continuamente all'allergene.
In conclusione «Le consiglio di rivolgersi ad un Allergologo per una corretta diagnosi basata su storia clinica, esame obiettivo ed eventuale messa in atto di indagini mirate».
Saluti,