Utente 271XXX
Gent.mo Dott. o Dott.ssa,
Buongiorno, da circa quattro anni soffro di una irritazione al glande che si manifesta con arrossamenti dello stesso e con la presenza di tre macchie circolari del diametro di circa 1mm che, anche in periodi (Brevi) di assenza di irritazione rimangono visibili anche se di un colore piu' tenue.Inoltre si forma sul glade una patina biancastra non particolarmente maleodorante. Ho consultato in questi anni un urologo e tre dermatologi. Da ogniuno ho ricevuto come terapia lavaggi in acido borico con ,dopo aver asciugato la parte,applicazione di creme varie: dal canesten alla gentamicina ed altre di cui non ricordo il nome. Tutte queste cure si sono rivelate inutili. Dopo ogni terapia stavo meglio per pochi giorni o un paio di settimane dopodiche' il problema si presentava puntualmente. Il mese scorso, oramai quasi scoraggiato di poter risolvere il mio problema, mi sono rivolto ad un nuovo dermatologo che, dopo avermi fatto fare la prova del tampone, mi ha diagnosticato una balanite o balanopostite (non ricordo) dovuta anche a psoriasi per cui mi fa prescritto 200 mg al di di Sporanox per otto gg. da ripetere dopo un mese per altri otto gg. ed infine lo stesso dopo il terzo mese.Oltre alle compresse mi aprescritto VELLUTAN 4 mcg/g emulsione da applicare due volte al di.
Dopo pochi giorni ho dovuto interrompere l'applicazione della emulsione perche mi provocava arossamento e fastidio alla parte con sudorazione e pesantezza di testa (forse dovuta alla mia suggestionabilita', credo), e sono tornato ad applicare il CANESTEN che piu' delle altre creme mi da sollievo.Tra pochi giorni riprendero' la terapia con lo SPORANOX che , forse , mi sta dando un leggero sollievo.
Lesito del tampone ha rilevato la tresenza dei germi: Escherichia coli e Proteus mirabilis mntre L'ANTIBIOGRAMMA relativo ha dei valori che, logicamente io non posso interpreatre e, se Lei ritenesse importante consultarli, vorrei poterglieli iviare.Il dematologo non mi sembra che abbia guardato l'antibiogramma ha solo detto che i germi trovati dal tampone sono abbastanza comuni e null'altro.
Mi scusi se mi sono dilungato eccessivamente nel mio scritto ma, mi creda, sto perdendo la speranza di poter risolvere il mio problema. Le sarei grato se potesse in qualche modo giudicare le terapie e, specialmente l'ultima che devo terminare ed eventualmente indicarmi quali altri esami dovrei sostenere, se il tampone non e' sufficiente, e , inoltre se nella mia citta' (Genova) lei conosce qualche struttura o professionista che mi consiglia di consultare.
Gradisca i miei miglio saluti e ringraziamenti.
Renato trapani

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Gentile utente

Invitandola a non apporre i suoi dati personali per motivi di privacy, le dico che il suo racconto pur dettagliato, presenta delle importanti incongruenze:

Una balanopostite o balanite che necessita di tamponi specifici nulla può c'entrare con una psoriasi del glande.
Questo semplice assioma per dirle, che le ipotesi che le sono state fatte sono piuttosto dissimili e necessitano (a meno che di sovrapposizioni o di patologie miste) di un accurato orientamento dermovenereologico.

So che lei ha già fatto il possibile, ma non posso non consigliarle di continuare di continuare assieme al suo dermovenereologo la ricerca di una diagnosi corretta.

Legga su www.medicitalia.it i tanti approfondimenti sulla balanopostite o sulle dermatosi genitali

Carissimi saluti