Utente 806XXX
Gentili Dottori,
oggi ho eseguito una visita di controllo dal mio cardiologo di fiducia.

Nella prima visita (2009) mi fece Ecg, visita vera propria, Ecocardiogramma, ECG da sforzo e holterECG 24h, e inoltre mi fece fare profilo lipidico e glicemia (nella norma); da ciò risultò tutto a posto a parte sporadiche extrasistoli sopraventricolari e una pressione tendente all'alto (non ricordo quanto, però inferiore a 140/90). Mi disse di stare tranquillo che andava tutto bene, non mi prescrisse farmaci però mi disse di perdere peso e fare attività aerobica (cosa che non ho fatto.....), per normalizzare la pressione "altina".

Stamane, a distanza di tre anni e a situazione invariata per quel che riguarda sintomi, peso corporeo e parametri ematochimici (eseguiti tre mesi fa e nella norma...LDL 115, HDL 55, TRIGLICERIDI 125 e glicemia 93) mi ha fatto solo una visita con ECG: tutto bene, no prescrizione di farmaci e solita raccomandazione di far esercizio e perdere peso perchè a lungo andare il sovrappeso (che a suo dire è il mio unico fattore di rischio attuale) e questa pressione "altina" riscontrata (137/87) possono creare dei danni.


Ora, la mia domanda è: è stato sufficiente un ECG ed una visita per stabilire che il mio cuore è a posto? Non sarebbe stato meglio fare almeno l'ecocardio? vi è in tal caso indicazione per effettuare un controllo da un altro cardiologo o posso stare tranquillo?

Non prendetemi per un maniacale ma preferisco spendere qualche euro in più ma stare sereno.

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
se il collega avesse avuto un dubbio clinico sarebbe stato il primo a consigliarle approfondimenti diagnostici. Stia perciò sereno.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 806XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la risposta.

La mia perplessità era dovuta la fatto che avesse escluso solo tramite ECG+VISITA, gli eventuali danni che questa mia pressione "altina" (ovviamente misurata periodicamente nell'arco di questi tre anni....però praticamente sempre sotto i 140-90) e il sovrappeso potrebbero aver inflitto al cuore. Può essere che io scambi per superficilità una grande capacità di valutazione?

Detto questo vi chiedo secondo voi tra quanto dovrò rifare una visita dal cardiologo, a condizioni fisiche e sintomi invariati.

Grazie.
[#3] dopo  
Utente 806XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimi Dottori,
potreste per favore dare una risposta ai quesiti posti nel commento subito qui sopra?

Grazie in anticipo per la vostra diponibilità.

Cordialità.