Utente 271XXX
Ho accusato 1 settimana fa circa un fastidio notevole al testicolo dx, molto pungente tant'e' che mi sono svegliato di notte. Il giorno dopo palpando per capire da dove tale dolore potesse generare ho sentito al tatto una piccola cisti o simil tale ed era li che il dolore era particolarmente intenso al tatto. Mi sono recato subito da un urologo qui dove vivo che mi ha visitato sommariamente, fatto molte domande e detto poteva trattarsi di epididimite ma consigliava cmq. ecografia per diagnosi certa. ho fatto l'eco e i risultati sono (li riporto in inglese come da referto):-

both testes are normal in size and position.
right testis is 2.1 X2.4X3.6cm
left testis is 1.9X3.3X3.5cm
they both show homogenous echotexture with no focal lesion.
a simple right epididymal head cyst measuring 0.4cm is noted. another cystic lesion is seen in the right epididymal head with internal echoes, could represente a small spermatocele. it measures 0.5cm.
the epididymes are not tickened. no increased vasculaarity noted.
right scrotum shows small amount of fluid. no evidence of septation or solid components.
summary: normal finding of both testes. 2 cystic lesion in the right epididymal head (i dettagli sono sopra e non li riscrivo). small right hydrocele.

Ho quindi risentito l'urologo che mi ha rassicurato non essere cosa grave, ha confermato io avere una epididimite (anche se dal referto non so se cio' poi risulta) e mi ha detto le cisti non essere anche cosa di cui preoccuparso (anche il medico dell'eco mi aveva detto cio' in effetti sede di esame) ed ho fatto quindi una cura antibiotica per 1 settimana. L'urlogo mi ha detto che anche se il dolore scompare la cisti potrebbero rimanere cmq. li. A dire il vero io non mi sono mai accorto di averle, e' possibile che le abbia da molto tempo? Cmq ora il dolore dopo una settimana si e' molto ridimensionato ma non del tutto scomparso al tatto, cioe' in corrispondenza di quella che toccando sentivo la cisti (e che sento tuttora), avverto sempre un po' di fastidio, nulla di notevole o invalidante o che mi richiede di prendere cautele particolari ma sento un qualcosa di non "comfortable" al tatto. Ora mi chiedo, devo fare altre analisi per capire la fonte della epididimite o no visto che e' cmq. migliorata e regredita? Avevo anche chiesto all'urologo se era il caso di fare analisi per MST ma mi ha detto questo non essere necessariamente dovuto a quello. Io ho avuto vari rapporti con differenti partners ma sempre protetti ed al massimo ho occasionalmente ricevuto solo del sesso orale (molto raramente e in modo molto limitato). Ad ogni modo, il fastidio ora (come anche il dolore all'inizio) pare proprio localizzato sulla cisti piuttosto che altrove. Devo ricontattare l'urologo e chiedergli se fare un altro ciclo di antibiotico o non e' necessario e poi e' possibile che la cisti sparisca o rimarra' li a vita? Devo tenerle sott'occhio per il futuro (l'urologo ha escluso cio').
Grazie in anticipo!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.mo utente,
la rapidità di insorgenza della sintomatologia da Lei ben descritta, potrebbe essere dovuta ad una torsione di una idatide del Morgagni.Tali piccole appendici di pochi mm, si trovano perlopiù lungo il decorso dell'epididimo.
Giustamente è stata eseguita una terapia antibiotica e a parte la possibilità di usare degli antiflogistici ,la sintomatologia dovrebbe regredire completamente fra qualche altro giorno.
Cordialemnte
[#2] dopo  
Utente 271XXX

Iscritto dal 2012
Egregio Dottore,
Grazie mille per la risposta davvero immediata!
Ora, non comprendo bene il senso di cio' che mi ha scritto.. la torsione di cui Lei parla non e' quindi un'epididimite? E' qualcosa di diverso e dovuto ad altre cause?
Ripeto, il dolore inziale (ora pressocche' fastidio) e' avvertito in corrispondenza di una di quelle che al tatto avverto essere come una pallina (una delle 2 cisti presumibilmente dell'eco). Quindi, l'epididimite c'e' o no (dall'eco forse non se ne parla) o e' possibile che il dolore sia dalla ciste?
Quindi, comprendo da quanto mi dice che non e' il caso di fare altro al momento. L'antibiotico l'ho gia' finito e pensavo di ricontattare l'urologo per dirgli che un minimo fastidio e' ancora presente. Il fastidio e' solo al tatto, percio' aspetto magari che la sintomatologia sparisca del tutto senza fare altro e senno' rivado dall'urologo?
Poi, se dovessi continuare ad avvertire questa pallina (cisti ed una perche' l'altra non riesco a localizzarla/sentirla) in futuro, non devo fare nulla, giusto? Non ci sono controlli da fare al riguardo?
Ultima domanda: visto che ho finito il ciclo di cura posso riprendere attivita' sessuale senza problemi?
Scusi le tante domande e grazie delle Sue risposte!
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Una torsione di una idatide di Morgagni ( piccola appendice di pochi mm adesa all'epidimimo ) porta ad una epididimite.
Il collega Le ha prescritto giustamente solo quel ciclo di antibiotici.
Il fastidio cesserà giorno dopo giorno.
Per il resto chieda al suo urologo.
Cordiali saluti