Utente 272XXX
10 giorni fa ho avuto una un orticaria acuta che mi ha costretto ad andare 3 volte al pronto soccorso (tra l'altro ero e sono a Milano).
Al PS mi hanno chiesto se avessi toccato o mangiato qualcosa si strano o di non usuale, ho spiegato loro che ho mangiato le solite cose, mangiate e ri-mangiate nei soliti posti, e che di nuovo avevo solo "toccato": una tuta sportiva (di cui era già in possesso di una simile); una borsa da donna; e che avevo preso un'asgiugatrice usata , l'avevo pulita dentro e fuori (asportando i pelucchi lasciati dai panni nel vano motore) e l'ho usato asciugando i panni.

La prima volta mi hanno fatto un'iniezione di cortisone e una di antistaminico ed una flebo di soluzione salina con una cura a base di 20mg di Kestine (il mio antistaminico per via della mia allergia ai pollini delle graminacee, ginepro e cipresso che prendo nel periodo aprile-luglio) e cortisone 8mg, la seconda volta (quando l'orticaria si era manifestata in più zone, a 26 ore di distanza) mi fanno una nuova iniezione di cortisone, la terza volta (20 ore di distanza) non possono farmi alcun che, e mi prescrivono una visita dermatologica in giornata.
I dermatologi mi hanno cambiato la cura, con Xyzal 2comp a pranzo, e Zatiden 2mg la sera per 10 gg, abbinato a 5 gg di dieta depurativa, dopo 1 giorno stavo bene.

Ora la mia paura è, visto che ho rifatto tutto tranne questo: è possibile che la causa sia l'asciugatrice? Non ho trovato nulla a riguardo, tranne un articolo di una rivista inglese che parla di strani casi di orticaria dopo aver indossato indumenti passati in asciugatrici.

Nell'attesa di una cordiale risposta,
ringrazio e mi complimento con voi.
Carlo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
149046

Cancellato nel 2014
NON E' POSSIBILE FORNIRE UNA VALUTAZIONE ACCURATA SENZA UN'ATTENTA DISAMINA DI STORIA CLINICA, ESAMI ESEGUITI E VISITA MEDICA. LE CONSIGLIO DI CONSULTARE UN ALLERGOLOGO E/O UN DERMATOLOGO.