Utente 272XXX
Buongiorno,
sono un uomo di 42 anni, ho smesso di fumare da oltre 5 anni, normopeso, e faccio normale attivita fisica jogging, non mangio formaggi, non bevo latte, insomma nessun eccesso tranne forse i dolci, non ho casi familiari di infarti ma soffro di colesterolemia familiare(mia madre assume statine per valori alti da sempre)
l'anno scorso in occasione di analisi di routine ho riscontrato questi valori di colesterolo:
tot: 250
ldl:170
hdl 50
il mio medico di famiglia mi ha prescritto direttamete pravastatina da 20 che assumo regolarmente da un anno inoltre ho fatto una visita cardiologia eco + ecg da sforzo
ed è risultato tutto nella norma, anche il cardiologo mi ha consigliato di continuare
con la statina perchè si suppone sia familiare e non dipendede dal cibo, vengo alla mia domanda:
visto che ho 42 anni e vorrei evitare di prendere le statine a vita posso provare per un paio di mesi con armolipid plus per vedere come va e poi se non ho beneficio riprendo con le statine ??
è ragionevole fare prima una prova del genere??
il mio dubbio nasce dal fatto che il medico mi fatto iniziare direttamente con le statine invece io vorrei provare prima con qualcosa di piu innocuo
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Se il problema è realmente una ipercolesterolemia familiare lei deve assumere una statina (la pravastatina non è una delle più potenti e và sostituita solo se a dosaggi ottimali non è in grado di portare a target i valori della colesterolemia). Il motivo stà nel fatto che la forma familiare di ipercolesterolemia è legata ad un aumento della quota "endogena" di colesterolo ossia ad una iperproduzione epatica e non ad un aumento dell'introduzione con gli alimenti. Le statine agiscono proprio sulla produzione epatica riducendola. Non è detto che le statine siano responsabili di effetti collaterali,anzi. Solo in quest'ultimo caso si dovrà provvedere alla sua sostituzione.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio,
lei quindi mi suggerisce di continuare con le statine??
ma cosa costerebbe provare con l'integratore da me suggerito ?
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Che i valori di colesterolo, non risultando entro i limiti accettabili, possono determinare importanti conseguenze sul sistema cardiovascolare.
[#4] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio,
ultima domanda :
il farmacista durante l'acquisto di pravastatina mi ha suggerito un integratore di coenzima q10 che sto assumendo da qualche giorno dopo pranzo,
cosa ne pensa è inutile assumerlo ?
[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il farmacista farebbe bene a fare solo il suo mestiere (e a farlo nel migliore dei modi). Ogni eventuale prescrizione aggiuntiva deve essere fatta dallo specialista. Personalmente per le vie telematiche non posso presciverle terapie mediche, ma solo darle consigli. Credo sia bene che lei segua quanto le è stato prescritto dal cardiologo di fiducia.
saluti