Utente 625XXX
Mia madre, a febbraio 2008, è stata operata alla giunzione sigma retto con presenza di massa vegetante di cm 6 di diametro ad anularità 80%.L'esame istopatologico ha dato questa diagnosi:Adenocarcinoma mediamente differenziato(G2 sec.WHO),EGFR e Cromogranina negativi,con pattern papillare/gribiforme,intensa desmoplasia stromale e discreta reazione citostromale linfocitaria.Aree di necrosi.Infiltrazione transmurale della parete fino al grasso msenterico periviscerale, margini del campione ed anelli anastomotici indenni da infiltrazione neoplastica.Non si repertano linfonodi.Staging pT3 del TNM.Ha iniziato una chemioterapia adiuvante orale con XELODA.Vorrei cortesemente sapere che possibilità ci sono per una guarigione completa e se è corretta la cura che sta facendo,quando andiamo dall'oncologo non facciamo molte domande perchè mamma non sa precisamente quello che ha avuto.Vi ringrazio di cuore.
[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Senza conoscere dei dati molto importanti quali l'età e le eventuali comorbidità di sua madre rende difficile capire d'emblè la scelta di una terapia adiuvante con capecitabina.
Lo stadio B del colon (pT3N0 e soprattutto M0), per la sua buona prognosi, è ancora oggi argomento di discussione sul trattare o meno con chemioterapia in adiuvante; nella scelta decisionale oltre i parametri su esposti vengono infatti considerati anche eventuali rischi aggiuntivi (occlusione, perforazione ...).
[#2] dopo  
Utente 625XXX

Iscritto dal 2008
Ringrazio di cuore il dott.Alessandro D'Angelo per la sollecita risposta.Mia madre ha 76 anni e fino ad ora oltre una lieve ipertensione, ed un problema di stitichezza non soffriva di alcuna patologia.Attualmente la cosa che le dà maggiori problemi sono gli emorroidi e la stitichezza.Al riguardo, le vorrei chiedere se può fare dei clisteri e le sarei grata se mi potesse dare dei consigli su come risolvere tali problemi.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Sicuramente una giusta alimentazione aiuta (kiwi, dieta semiliquida, per esempio) per ciò che riguarda la stitichezza.
Inoltre può usufruire di aiuto con lattulosio e supposte di glicerina, oltre un trattamento adatto per le emorroidi (non cito quì i nomi dei farmaci per non fare pubblicità; si rivolga al curante).
[#4] dopo  
Utente 625XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per i consigli,vorrei cortesemente sapere se la terapia adiuvante che mia madre ha iniziato, e che le hanno prescritto per sei mesi,è necessaria vista l'età (76 anni).Vorrei aggiungere che il CEA e gli altri marcatori sono nella norma,mentre la TAC ha dato esito negativo, tranne due formazioni al fegato non definite e che dovrebbero essere delle cisti.
cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Diciamo che può essere utile e non è molto impegnativa da somministrare; forse se ne poteva anche fare a meno, ma la decisione ovviamente in questi casi, spetta a chi vede e segue la paziente.
[#6] dopo  
Utente 625XXX

Iscritto dal 2008
Dopo quasi cinque anni,mia madre ha avuto delle perdite ematiche,portata in ospedale le hanno praticato un'isteroscopia operativa,siamo in attesa dellìesame istologico,l'ospedale le ha prescritto una RMN con MDC perchè con l'eco transvaginale avevano trovato un aaneo formazione annessiale sinistra.Ecco l'esito della RMN:
Utero di dimensioni regolari,AVF,con segnale miometriale disomogeneo per rilievo di multiple formazioni relativamente ipointense a sede intramurale, di circa 2 cm max,riferibili in prima ipotesi ad espansi miometriali,con buona evidenza e regolare segnale della linea giunzionale.
A sede annessiale sinistra e parasigmoidea,rilievo di formazione polilobata,finemente settata,di tipo complex(circa 7 cm max), a tratti apparentemenbte tubuliforme,a prevalente segnale di tipo idrico,ma con componente sovraidrica nodulare di circa 3 cm,che presenta discreto enhancement post-contrastografico,come le pareti della cisti stessa.Tale formazione,inferiormente,giunge fino alla fascia mesorettale sinistra appena ispessita da esiti chirurgici.Reperto non univoco,anche compatibile con recidiva annessiale sinistra anche in virtù dell'anamnesi e della negatività dell'indagine TC di marzo 2012.
Chiedo cortesemente di dirmi come è possibile che sia uscita questa neoformazione se tutti gli esami fatti in questi anni siano sempre stati negativi.
Grazie