Utente 243XXX
Gentili dottori, ho 47 anni ed ho sempre avuto una vita sessuale del tutto soddisfacente. Come ho scritto negli altri miei post, ho una compagna da 17 anni, con la quale ho uno splendido rapporto, sia dal punto di vista sessuale che affettivo. Per la prima volta nella mia vita, da giugno a settembre, ho subito un drastico calo del desiderio sessuale, nel senso che, a parte qualche sporadico episodio nella prima decade di settembre (durato circa una settimana), non ho quasi mai avuto libido. La mia compagna si è mostrata assolutamente comprensiva al riguardo, quindi, fortunatamente, da questo punto di vista nessun problema. Il calo del desiderio, ovviamente, mi ha procurato anche un calo delle erezioni, per cui, come prima cosa, ho eseguito una visita andrologica con ECOGRAFIA AI TESTICOLI, ECOGRAFIA TRANSRETTALE DELLA PROSTATA ED ECOCOLORDOPPLER PENIENO DINAMICO CON CAVERJECT, RISULTATI TUTTI NELLA NORMA (nessuna patologia). Nel frattempo ho eseguito vari accertamenti clinici, tra i quali quelli PER LA TIROIDE (nella norma), il PSA (0.9, nella norma) e piu' d'una volta IL TESTOSTERONE TOTALE, RISULTATO A LUGLIO 330 E A SETTEMBRE 430. Sempre a settembre ho eseguito il test della PROLATTINA (8.7), DEL 17 BETA ESTRADIOLO (50), del TESTOSTERONE LIBERO (9.36 NG/DL, PARI AL 2.16%) E DEL TESTOSTERONE BIODISPONIBILE (SHGB 30.5 - ALBUMINA 4.31 PER UN TESTOSTERONE BIODISPONIBILE DI 220 NG/DL, PARI AL 50.7%) HO ESEGUITO ANCHE IL TEST DELL'LH (1.8 UN PO SOTTO LA MEDIA). Sta di fatto che, improvvisamente, nei primi giorni di ottobre, la libido è ritornata, senza nessuna terapia. Adesso, da alcuni giorni, AVVERTO NUOVAMENTE UN DRASTICO CALO DEL DESIDERIO. ALLORA, ECCO LA MIA DOMANDA, ALLA QUALE, SPERO, RISPONDIATE CON LA CONSUETA ESAUSTIVITA'. ALLA LUCE DEGLI ACCERTAMENTI CHE HO ESEGUITO E DELLE LORO RISULTANZE, DEL FATTO CHE LA LIBIDO, DOPO ESSERE STATA ASSENTE PER PIU' DI DUE MESI E' RICOMPARSA SOLO PER UNA SETTIMANA A SETTEMBRE, E' RITORNATA PER UNA VENTINA DI GIORNI AD OTTOBRE E ADESSO E' SPARITA NUOVAMENTE, POTREBBE DARSI CHE IO VADA INCONTRO A BRUSCHI CALI ORMONALI CHE GLI ESAMI NON EVIDENZIANO ? E SE SI, IN QUESTO CASO, QUALE ULTERIORE ACCERTAMENTO MI CONSIGLIATE DI ESEGUIRE ? Aggiungo, per completezza d'informazione, che, attualmente, non sto attraversando alcun periodo di stress ne di conflittualità di coppia. GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il suo storico importante sull' argomento ed i suoi sintomi identifica il problema in psicogeno. L' unico accertanmento è una visita da esèerto collega che confermi diagnosi.
[#2] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
INTENDE DIRE DA UNO PSICOLOGO ? QUINDI LEI (SEPPUR A DISTANZA) SI SENTE DI ESCLUDERE BRUSCHI CALI ORMONALI ? GRAZIE ANCORA PER LA SUA GENTILEZZA.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
seppur a distanza: in 7 giorni (data dekl suo ultimo post) può andare a pallino solo l' ipofisi di una partoriente con parto difficilissimo, emorragie e cose varie, e lei è maschio.
[#4] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottore, intanto grazie per la sua sollecitudine nel rispondere e, perchè no, per la sua simpatia e il suo umorismo (lo dico con assoluta sincerità) nell'esprimere concetti di una certa serietà, mettendo di buon umora anche chi, come me, magari per adesso, non dico che sia giu' di corda ma un tantino in pensiero questo si. Dopo i dovuti e sinceri ringraziamenti , però, volevo chiarirle che, nell'avanzare l'ipotesi dei bruschi cali ormonali ai quali potevo essere soggetto senza che gli esami clinici (fatti a distanza di mesi l'uno dall'altro) fossero in grado di evidenziarlo, MI RIFERIVO AL MIO ESCURSUS SULL'ALTERNANZA DEL DESIDERIO SESSUALE DA GIUGNO FINO AD ADESSO (come ho specificato meglio in questo mio ultimo post di oggi pomeriggio) NON CERTO IN RIFERIMENTO ALL'ULTIMA SETTIMANA. Mi piacerebbe, quindi, saper da Lei se, dall'alto della sua esperienza, questi.....benedetti ...o ...maledetti....improvvisi squilibri ormonali, possano essere la causa del mio problema 8che, come detto, in un modo o nell'altro, tiene banco ormai da tre mesi). Mi scuso ancora per averla nuovamente disturbata e....forse...per essere un po pedante e ripetitivo, ma sa...per noi uomini l'aspetto sessuale riveste sempre un'importanza particolare. Attendo una sua risposta, la ringrazio ancora sentitamente.
[#5] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottore, spero riuscirà a trovare il tempo di rispondere anche a quest'ultimo postt che le ho inviato l'altro ieri. La ringrazio anticipatamente per la disponibilità dimostrata. Un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Ronzani
24% attività
4% attualità
16% socialità
MORLUPO (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile utente, da quel che appare, l'ipotesi più probabile è che si tratti di un disturbo di origine psicogena, tra l'altro abbastanza diffuso e ben descritto e conosciuto.
[#7] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la risposta, dottore, ma al di la dell'ipotesi piu' probabile 8che, per carità, non è da escludere), esistono degli accertamenti diagnostici o radiologici che potrei eseguire(anche per tranquillizzarmi), per verificare la funzionalità dell'ipofisi ? non so...una risonanza magnetica o una tac ? grazie.
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
La diificile o assente accettazione di problema a causa psicologica è esso stesso sintomo di origine psicogena del problema stesso.
[#9] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

nella "gestione" della libido sicuramente entra in gioco il fattore psicologico ma va considerato che lo stato psicologico di un soggetto dipende anche dalle sue condizioni generali, metaboliche, ormonali.
E' abbastanza frequente che un soggetto con deficit di testosterone vada incontro ad uno stato di insicurezza, depressione, ansia che accentua il problema. Nella mia convinzione prima cercherei di risolvere il fattore organico, ormonale e, dopo valuterei se la nuova condizione metabolica ed endocrina possa trasferirsi alla sensazione psicologica di sicurezza, tranquillita'.
In pratica prima valuterei se la macchina funziona bene, se ha abbastanza benzina, olio lubrificante, buoni pneumatici..... solo dopo valuterei se il pilota è tranquillo, sereno e pronto per guidare bene fino al traguardo, magari vincendo o piazzandosi bene.Altri specialisti preferiscono controllare bene il pilota e solo dopo vanno a vedere come funziona l'autovettura
Non sono due atteggiamenti antitetici, solo diversi
cari saluti
[#10] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
GENTILE DOTTOR POZZA, INNANZI TUTTO GRAZIE INFINITE PER LA SUA RISPOSTA, CONCORDO CON LEI SULLA NECESSITA' DI APPROFONDIRE L'ASPETTO ORGANICO, ANCOR PRIMA DI QUELLO PSICOGENO. IL PROBLEMA E' IN CHE MODO OPERARE. L'ESITO DEGLI ESAMI (TESTOSTERONE COMPRESO) CHE HO INSERITO NEL MIO POST (CHE PUO' LEGGERE A MONTE DELLA MAIL) A SUO PARERE, DALL'ALTO DELLA SUA FAMA ED ESPERIENZA, LASCIANO INTRAVEDERE LA NECESSITA' DI ULTERIORI APPROFONDIMENTI DIAGNOSTICI ? E SE SI, SEMPRE A SUO PARERE (SEPPUR A DISTANZA) QUALI ULTERIORI ESAMI O ACCERTAMENTI CLINICI MI CONSIGLIA DI FARE PER VERIFICARE SE LA.....MACCHINA....FUNZIONA REALMENTE BENE ? CI TERREI MOLTO SE POTESSE DARMI DELLE UTILI INDICAZIONI, LA PREGO, QUINDI, SE PUO', DI RISPONDERMI, IN MODO CHE IO POSSA ATTIVARMI QUANTO PRIMA. GRAZIE INFINITE, ATTENDO CON FIDUCIA.
[#11] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
GENTILE DOTTOR POZZA, SPERO TROVERA' QUANTO PRIMA IL TEMPO DI RISPONDERE AL MIO POST CHE HA FATTO SEGUITO ALLA SUA RISPOSTA. CAPISCO CHE LE RICHIESTE CHE RICEVE SONO TANTE E CHE, OVVIAMENTE, NON SI PUO' RISPONDERE A TUTTI IN BREVE TEMPO, MI SCUSO QUINDI PER L'INSISTENZA, FORSE INOPPORTUNA, MA CI TERREI MOLTISSIMO AD AVERE AL PIU' PRESTO UN SUO PARERE. GRAZIE ANCORA E SCUSI NUOVAMENTE IL DISTURBO.
[#12] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Il discorso del dr. Pozza andrebbe bene se lei avesse alterazioni ormonali. Che non ha.
[#13] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
GRAZIE DOTTOR CAVALLINI, PER LA SUA CORTESE RISPOSTA, MA, MI PERDONI SE LE REITERO LA DOMANDA: NON POTREBBE VERIFICARSI IL CASO CHE, MAGARI PER UN CATTIVO FUNZIONAMENTO DELL'IPOFISI (o per altre cause, ovviamente), I MIEI ORMONI CALINO BRUSCAMENTE PER POI RISALIRE A DISTANZA DI SETTIMANE (così come bruscamente ed apparentemente in modo inspiegabile cala la mia libido) E CHE, DI CONSEGUENZA GLI ESAMI DI LABORATORIO NON RIESCANO A METTERE IN EVIDENZA UN PRESUNTO DEFICIT ORMONALE AD INTERMITTENZA ?. LA PREGO, SE POSSIBILE, PUO' DARMI UNA SUA OPINIONE IN MERITO ? LE SAREI MOLTO GRATO, VISTO CHE QUESTA SITUAZIONE SI TRASCINA, A VARI INTERVALLI, ORMAI DA 4 MESI.


[#14] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Le ho già risposto in tal senso più volte.
[#15] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
GENTILE DOTTOR CAVALLINI, LE SCRIVO PERCHE' CI SONO DELLE NOVITA': L'ANDROLOGO MI HA PRESCRITTO DI RIPETERE L'ESAME DELL' LH ED IN PIU' ESEGUIRE QUELLO DEL CORTISOLO MATTUTINO, DELL'ACTH E DELL' FSH (SEMPRE PER LA QUESTIONE DEL CALO DELLA LIBIDO). LE RIPORTO I DATI:

CORTISOLO PLASMATICO (ore 8) 18,78 (ug/ml

DOSAGGIO ACTH 52,62 pg/ml

LH 3,58 (mU/ml)

FSH 2,12 (Mu/ml)

NATURALMENTE UNA RISPOSTA SULL'ESITO POTRA' DARMELA LO SPECIALISTA QUANDO LO INCONTRERO' GIOVEDI' PROSSIMO MA, (non certo per sminuire la competenza di quest'ultimo), CI TERREI MOLTISSIMO, DATA LA SUA FAMA ED ESPERIENZA, CHE ANCHE LEI (se può), ESPRIMESSE UN PARERE SU QUESTE RISULTANZE. gRAZIE INFINITE E SCUSI ANCORA IL DISTURBO.
[#16] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
E ridalli nulla cambia-
[#17] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
quindi sono nella norma anche questi parametri oppure no ? (mi scusi se le riscrivo ma è arrivato il seguente messaggio: "E RIDA CAMBIA". Cosa intendeva dire, gentile dottore ? Probabilmente ci sarà stato un errore di trasmissione della mail. Puo' rimandarmela completa? scusi ancora il disturbo.
[#18] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
PER PIACERE DOTTORE, SAREBBE COSì GENTILE DA RIMANDARMI IL MESSAGGIO COMPLETO ? PROBABILMENTE PER UN ERRORE DI SISTEMA, AL MIO QUESITO E' ARRIVATO SOLO UN SUO MESSAGGIO PARZIALE CON SCRITTO "E RIDA CAMBIA". LA PREGO, QUINDI, PUO' RIMANDARMELO COMPLETO? LE SAREI INFINITAMENTE GRATO, RINGRAZIANDOLA INFINITAMENTE PER LA SUA GENTILEZZA E DISPONIBILITA'.
[#19] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

non è possibile fare una corretta diagnosi e consigliare una efficace, corretta terapia a distanza. Al di là degli aspetti ormonali ( personalmente non vedrei l'utilità nell'andare a dosare ormoni qualche volta inutili per cercare una qualche variazione) mi sembra di percepire una certa, direi eccessiva, ansia nel voler capire la natura della diminuzione della libido che è sì, importante, ma non può essere motivo di fondamentale disagio vitale.
Ha avuto modo di valutare la sua funzione erettile? Qualche volta una problematica circolatoria può impedire l'ottenimento di una valida erezione, impoedendo accettabili rapporti ed essendo causa di una riduzione del desiderio quasi come forma di autodifesa. Plauto ci aveva parlato della storia della volpe e l'uva.
Cari saluti
[#20] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
GENTILE DOTTOR POZZA, HO ESEGUITO ECOCOLORDOPPLER PENIENO DINAMICO PREVIA PUNTURA DI TRIMIX, CHE NON HA MESSO IN EVIDENZA NULLA DI VASCOLARE, SEMMAI UN IPERTONO ADRENERGICO DOVUTO ALL'ANSIA DEL MOMENTO. AL MATTINO LE EREZIONI SONO QUASI SEMPRE PRESENTI. ECCO PERCHE' LE VALUTAZIONI ORMONALI SUL CALO DELLA LIBIDO, NON DECISE DA ME, MA DALL'ANDROLOGO. ED ECCO, QUINDI, IL PERCHE' HO COMUNICATO I DATI ORMONALI DEGLI ESAMI FATTI (AVEVO PRECEDENTEMENTE ESEGUITO TESTOSTERONE TOTALE (434) E PROLATTINA (6.3), PER I QUALI HO CHIESTO A VOI UNA VALUTAZIONE SUI LORO ESITI. CHE NE PENSA ? GRAZIE