Utente 273XXX
Salve,

sono un ragazzo di 23 anni. Peso 125 kg e sono alto 180 cm. Da diverso tempo soffrivo di vuoti al petto che mi facevano venire da tossire per eliminare il fastidio. A volte sento delle parti del mio corpo (specialmente il collo) pulsare nervosamente, come se in qualche vena/arteria stesse fluendo una grande quantità di sangue.
Questo pomeriggio, esattamente alle ore 19.00, ero disteso sul letto mentre leggevo un libro. Ero rilassato. All'improvviso ho riavuto quel fastidio di "vuoto" al petto, solo che è durato per un tempo prolungato. Con questo fastidio ho avuto anche difficoltà a respirare.
Andato in farmacia per la misura della pressione, mi è stata diagnosticata la pressione di 180 su 80, con battiti regolari.
Il farmacista mi ha consigliato di non allarmarmi e di segnarmi, in diverse fasi del giorno, il valore della pressione.
Ci tengo a sottolineare che mio padre è iperteso e io fumo da 5 anni, e da diversi mesi non più di 5 sigarette al giorno. Il mio stile di vita è sedentario.
C'è da preoccuparsi? Non vi nascondo che sono molto in ansia.

Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
un solo valore non la rende un soggetto iperteso, tuttavia la sua obesità di certo non la aiuta così come lo stile di vita sedentario. Inizi a prendere seriamente in considerazione un adeguato regime dietetico, meglio se redatto da un dietologo, nonchè una adeguata attività fisica, infine segua i giusti consigli dati dal farmacista.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dr. Vincenzo,

la ringrazio per la risposta.
Voglio raccontarle il seguito della serata di ieri. Dopo cena (una cena leggera a base di verdura e acqua), ho riaccusato dei fastidi, tra cui brividi di freddo, improvvise piccole difficoltà a respirare e così via. Decido di recarmi presso la guardia medica. Il dottore mi misura la pressione e mi riferisce che è di 200 su un valore della minima più alto (all'inizio non ha voluto dirmi il valore della massima per non farmi agitare). La diagnosi del medico è la seguente: sono un tipo ansioso e la mia pressione alta (massima) è dovuto appunto ad una ragione di tipo nervoso, malgrado siano 1000 i casi in cui si può alzare la pressione a quei livelli. Mi ha somministrato 12 gocce di Benzodiazepine, consigliandomi comunque di recarmi dal mio medico legale per farmi prescrivere un elettrocardiogramma per scongiurare un probabile problema al cuore.
Questa mattina sono tornato in farmacia per una nuova misura della pressione. Risultato: 150 su 80, battiti regolari. Il farmacista mi ha consigliato di effettuare un test per ottenere dei risultati sui trigliceridi, il colesterolo e la glicemia. Tutto nella norma.
Solamente un elettrocardiogramma potrà chiarire il perché di questa pressione sistolica alta?