Utente 949XXX
Salve, sono una donna di 36 anni. Ho fatto alcuni esami in vista di una futura gravidanza. Non ho anemia mediterranea ma si può essere immuni? Dovrei essere risultata immune a toxoplasmosi e rosolia mentre non immune a CMV. Qui sotto i miei esami. Le mie domande sono:
Ho compreso in maniera corretta i sisultati?
Cosa é CMV e non avere immunità può essere pericoloso?
Essere immune a toxoplasmosi vuol dire che l'ho già contratta? in che modo si manifesta? io non l'ho mai saputo.

DOSAGGIO HbA2 E HbF
Non si evidenziano emoglobine patologiche. Determinazione eseguita con metodo HPLC
risultati valori riferimento
HbA2 2.4 1.5 – 3.2
HbF 0.0 0.0 – 1.5
Ab ANTI-TOXO IgG 260.0 < 10 Assenti
> 10 Presenti
Ab ANTI-TOXO IgM 6.4 < 8 Assenti
> 8 Presenti
Ab ANTI-RUBEOLA IgG 112.0 Immun.spec.se >10
Ab ANTI-RUBEOLA IgM <10.00 <20 Assenti
20-25 Borderline
>25 Presenti
Ab ANTI-CMV IgG <5.00 <12 negativo
12-14 borderline
>14 positivo
Ab ANTI-CMV IgM <5.00 <18 negativo
18-22 borderline
> 22 positivo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
ha capito bene: risulta «immune a toxoplasmosi e rosolia mentre non immune a CMV».
La toxoplasmosi può decorrere in maniera del tutto asintomatica, per cui non deve stupirsi della presenza di IgG specifiche. Anzi, per la gravidanza è meglio così, perché un'eventuale infezione durante la gravidanza comporta potenziali rischi.
Come per il Toxoplasma, anche l'infezione da CMV in corso di gravidanza espone il feto a un certo rischio, soprattutto nei primi tre mesi, ma certamente non è detto che Lei debba contrarla proprio adesso (non è successo in tutti questi anni...).
In linea generale, l'Istituto Superiore di Sanità raccomanda «un’attenta igiene personale, soprattutto per le categorie di persone più vulnerabili alla malattia [...]. È sempre buona regola lavarsi le mani con acqua calda e sapone prima di mangiare e di preparare e servire il cibo, dopo aver cambiato i bambini, dopo essere andati in bagno e dopo ogni tipo di contatto con fluidi corporei. È opportuno evitare di scambiarsi posate o altri utensili durante i pasti, soprattutto con bambini piccoli».
Saluti e in bocca al lupo,