Utente 273XXX
l'anno scorso ho subito un intervento alla scafoide con metodo di matti-russe. la frattura era a livello prossimale dello scafoide. dopo un anno ho iniziato a sentire un dolore forte al polso e dopo esami RX - Tac - Rm mi hanno diagnosticato il distacco dell'innesto osseo inserito nell'intervento. adesso mi chiedo se vista la frattura molto prossimale non sarebbe stato meglio inserire la vite e i fili che tutti i dottori che mi hanno visitato hanno detto che era necessaria? adesso mi devo sottoporre nuovamente ad un intervento?

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

effettivamente, se il frammento prossimale era piccolo, poteva essere più indicata una vite di Herbert, ma entro certi limiti.

Anche la vite, infatti, richiede una certa dimensione dei due frammenti, in quanto il rischio di pseudo-artrosi (cioè mancata consolidazione dei frammenti) o di necrosi ischemica del frammento prossimale è piuttosto alto.

A questo punto, non credo si possa però pensare alla vite, ma piuttosto alla sostituzione del frammento prossimale con un distanziatore (spaziatore) biologico (tendine del palmare gracile) o sintetico.

Buona domenica.
[#2] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
Gentilissimo Dottore,
premesso che in settimana ho una visita specialistica,
eventualmente l'operazione da lei indicata che tempi di recupero necessita?

Buona giornata e grazie per le informazioni
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
In media un paio di mesi almeno (poi dipende molto dall'età, dall'impegno funzionale del polso, ecc.).