Utente 626XXX
Buonasera a tutti, ho conosciuto un uomo, molto sensuale un anno fa, da circa 2 settimane ci frequentiamo e ho scoperto, con somma sorpresa, che soffre di disfunzione erettile, nel senso che durante il rapporto il suo membro non raggiunge le dimensioni sufficienti per una corretta penetrazione, e quindi abbiamo fatto l'amore (io non ho sentito nulla, per ovvi motivi) e lui ha raggiunto l'orgasmo dopo vari tentativi. Mi ha detto che è colpa dell'emozione, ma tutte le volte che ci proviamo io noto questa sua caratteristica. E' sposato e ha 2 bambini. Vi chiedo, è possibile che abbia questo problema a fronte di un incidente stradale? (Ha rischiato la sedia a rotelle) e ancora, lui mi dice che non ha rapporti con la moglie da circa 3 anni, ed è per questo che soffre di eiaculazione notturna, vi chiedo è possibile secondo voi? Quando ci vediamo, in auto, le caratteristiche del suo membro sono le solite, scarsa erezione, ma dopo un rapporto orale ha l'orgasmo e sembra anche piacergli. Cosa ne pensate? Aiutatemi voi.

Grazie infinite!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Signora,credo che due settimane siano poche per "etichettare" un uomo...Piuttosto che porsi questi problemi,che,alidila dell'anamnesi (vedi incidente),possono verificarsi anche in una persona sanissima,inviterei il partner a sottoporsi ad un attento controllo specialistico andrologico in quanto l'astinenza prolungata da una vita sessuale gratificante può,paradossalmente,indurre uno stato di disagio sessuale,particolarmente evidente all'inizio di un nuovo rapporto sentumentale e sessuale.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
cara lettrice,

ci possono essere dei maschi che ,affetti da disfunzione vascolare, non riescono ad ottenere una rigidità peniena accettabile e con la consapevolezza di non poter avere una erezione efficace si astengono dai rapporti coniugali anche per molto tempo.
Di fronte ad una nuova relazione in cui la fase sessuale diventa dominante e preponderante, tali problemi erettili diventano palesi e fonte di ulteriore disagio fisico ed emozionale.
Veda di convincere il suo compagno ad affrontare una visita specialistica in modo da poter chiarire la natura del problema.
A Torino potrebbe cercare il dottor Carlo Ceruti della Urologia delle Molinette ( carloceruti@yahoo.com 347.5443.487)valido specialista
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 626XXX

Iscritto dal 2008
Grazie infinite per le vostre risposte. Volevo solo chiarire che il mio intento non era quello di etichettare un uomo, ma solo cercare di capirne un pò di più visto che non mi sono mai trovata di fronte a questo problema. Io lo amo e cercherò di stargli vicino e di aiutarlo per quanto possibile grazie ai vostri consigli.

Buona giornata!
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,
alle osservazioni dei colleghi che mi hanno preceduto le consiglio, se desidera avere più informazioni dettagliate su questa tematica, di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450. Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org