Utente 626XXX
Salve a tutti mi sono iscritto da poco su questo sito perchè dopo averlo consultato anche nei giorni scorsi credo che sia un buon sito.
Vi pongo subito il mio problema. L'argomento trattato è quello della eiaculazione precoce come da oggetto, ho letto già altri interventi però non ho trovato una pronta risposta.
Da due anni e mezzo sono fidanzato con una ragazza e fin da subito abbiamo iniziato a fare l'amore in tutte le maniere possibili e ogni volta che lo volevamo. Per me è stata con lei la mia prima volta. Ogni volta che facciamo l'amore si presenta sempre il solito problema ho una eiaculazione preococe, dopo poche penetrazioni diciamo abbastanza "forti" io non mi controllo e eiaculo subito, anche se stiamo alla 4 o 5 volta che facciamo l'amore. Ovvimante dopo 2 anni e mezzo che mi "comporto" così questo inizia ad essere un problema abbastanza serio e da analizzare.
Io cerco un consiglio da parte vostra, vorrei sapere se c'è una medicina, una terapia, un qualcosa da seguire che mi permetta di durare di più e non eiaculare troppo presto.
Sicuramente riceverò una vostra risposta e spero che sia l'inizio per guarire questo problema.

Grazie a voi tutti e buona serata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cari Utente,vista la scarsa esperienza (prima dell'attuale partner),consiglierei una visita andrologica che preceda la eventuale assunzione di farmaci che il mercato mette a disposizione attualmente.Successivamente non escluderei un incontro con uno psicosessuologo.Nel frattempo eviterei l'atletismo sessuale,cioé il ripetersi ossessivo di più coiti nello stesso incontro che,storicamente,rappresenta un rimedio (scorretto) a questo disagio sessuale.In tutto ciò non ci ha aggiornato sul comportamento della partner...Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

lo scarso controllo della eiaculazione, abbastanza frequente, direi quasi naturale, nelle prime esperienze sessuali, diventa estremamente fastidioso quando perdura nel tempo.
Si tratta di capire se esistano fattori fisici che lo determinano o lo facilitino e se si possano individuare le modalità terapeutiche capaci di modificarlo in senso positivo. Spesso è possibile.
Consulti uno specialista andrologo che le potrà chiarire tali dubbi
Cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
se posso aggiungere un altro suggerimento a quelli già ricevuti, per avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione dell’eiaculazione , le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=27950. Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org
[#4] dopo  
Utente 626XXX

Iscritto dal 2008
Dottori vi ringrazio tanto per le pronte risposte suggeritemi, però avrei un'altro consiglio da chiedervi. Dato che sono un tipo che mi vergogno un po' anche a parlarne con il mio medico, non posso iniziare a "curare" il mio problema con qualche medicina che posso comprare senza ricetta medica in farmacia?

Grazie a voi tutti e buona giornata.
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...e torniamo alla richiesta iniziale...Le chiarisco che in medicina di pone prima la diagnosi e poi la terapia.Cordialità
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
..ed inoltre nessun medico serio, senza una valutazione clinica diretta e senza una diagnosi precisa, le potrà mai suggerire , soprattutto per via telematica , una terapia specifica che non ha le caratteristiche dell'urgenza.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centrodemetra.com
www.centromedicocerva.it
www.andrologiamedica.org
[#7] dopo  
Utente 626XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per l'attenzione, prenderò coraggio e proverò ad andare dal mio medico e vediamo cosa succede.

Buona giornata, se ho qualche altra domanda ve la porrò sicuramete.
[#8] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
mi trovo a condividere il parere espressole dal Dottor Izzo: è necessaria una diagnosi fatta da una persona in carne ed ossa. In questo caso, ovvero il Suo, credo che le persone potrebbero essere due:

1) in primis l'andrologo, per capire l'entità del problema (e per dare risposta alla Sua richiesta di terapia o meno)

2) uno psicoterapeuta, poichè indipendentemente dall'origine del problema (che potrebbe anche non essere medica) ad oggi immagino che la situazione di coppia, almeno per quanto concerne la sessualità, sia abbastanza tesa, il che non influisce positivamente sulla qualità del rapporto sessuale stesso

Ma vedrà, comunque, che già il fatto di parlarne con un esperto le farà percepire un piccolo grado di "controllo" sulla situazione, secondo me necessario

Comunque stia tranquillo, oggi esistono diversi approcci per la cura di questo disturbo
[#9] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
l'eiaculazione precoce, escluse rare cause organiche, è un problema a genesi mentale/psicosessuologica. Tutto ciò significa che, tuttavia, è possibile affrontarlo
- in modo psicosessuologico (con tecniche specifiche di tipo sessuologico -in molti casi risolvibile anche in non molto tempo-)
- in modo psicofarmacologico/farmacosessuologico
- con entrambe le possibilità integrate.
Effettui pertanto uno screening andrologico e psicosessuologico mirato ad ottimizzare la terapia sulla base di una diagnosi indicativa del miglior trattamento per Lei.
Cordialmente
[#10] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

le cause dello scarso controllo della eiaculazione non sono "raramente" organiche ma "quasi sempre" legate a problematiche di tipo fisico che dovrebbero essere immaginate, valutate e, dove possibile, trattate in maniera corretta.
Cari saluti
[#11] dopo  
Utente 626XXX

Iscritto dal 2008
Buon giorno a tutti. Ieri sera ho parlato con la mia ragazza dell'iscrizione a questo sito. Gli ho parlato delle risposte che mi avete fornito e anche del fatto che vorrei provare a fare delle cose con lei. Mi spiego meglio...e vorrei anche un vostro consiglio. Vorrei provare a fare l'amore piano piano, facendo una prenotazione lenta e controllata e non forte come vorrebbe lei. Lei mi ha detto che ci proveremo e che mi aiuterà.
Voi che ne pensate può essere un'inizio???

Grazie per la vostra collaborazione buona giornata.
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
stia attento a non fare troppo e tutto da solo. Comunque, se pensate di iniziare questo tipo di approccio, posso consigliarvi un testo facile , anche se un pò datato, ma che potrebbe esservi utile. E' il libro scritto dalla sessuologa americana Helen Kaplan dal titolo : "Le nuove terapie sessuali" Bompiani editore , Milano. Il consiglio più mirato rimane comunque sempre quello di consultare in prima battuta un esperto andrologo.
Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com