Utente 491XXX
Salve cari medici.
Vi ringrazio anticipatamente del vostro consulto.
Arrivo al dunque anche se sono un tantino imbarazzato.
Ho sofferto parecchio tempo di depressione e non riuscendo a trovare una partner mi davo alla masturbazione pornografica abituandomi così ad un'attività sessuale individuale adattando in maniera "malsana" le mie risposte sessuali soltanto in relazione alla visione di materiale pornografico (e neanche).
A causa di questa "routine" ho sempre avuto gravi problemi di erezione e dunque non riuscivo a consumare il rapporto.
Tuttavia a 17 anni non avevo questi problemi (non consumai il rapporto per altri motivi ma avevo una risposta immediata e soddisfacente agli stimoli della mia ragazza.
Poi iniziò la dannata odissea della masturbazione pornografica...
Oggi a 22 anni ho avuto rapporti con 2 persone, la prima assumendo viagra, la seconda, quella attuale, rapporti pressoché normali dato che ho smesso di masturbarmi in generale e soprattutto di visionare pornografia.
Tuttavia sono spesso in ansia e talvolta stanco fisicamente e non riesco ad avere un'erezione durissima.
Cosa mi consigliate? Devo semplicemente far passare un po' di tempo per abituare la mia mente e il mio pene a rispondere a stimoli esterni "disabituandolo" alla pornografia?

P.S. Premetto che ho avuto un tumore al testicolo e ora ne ho uno solo ma il problema si presentava già molto prima dall'operazione.

Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

dal suo racconto sembrerebbe essere presente una componente psicologica importante che può giocare un ruolo negativo nel rapporto di coppia e quindi è necessario un confronto con uno specialista che valutata la situazione anche obbiettiva le saprà indicare se seguire un percorso psicosessuologico.

un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 491XXX

Iscritto dal 2007
Questo l'avevo già pensato... Ma io mi chiedevo se in realtà non fossero soltanto miei castelli in aria e soprattutto se non visionando mai più certa roba (e magari riducendo un po' la masturbazione) potessi riabituare la mente a reagire in maniera più efficiente a stimoli esterni reali (piuttosto che a pixel su un monitor) in modo tale da avere un'erezione più forte e duratura ed essere così più tranquillo le volte successive (senza avere sempre quel po' di ansia addosso)
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
L'ansia ed il calo erettivo che ne deriva sono da attribuire al suo vissuto e cioè alle sue esperienze sessuali infatti i giovani che abusano di siti porno si distaccano progresisvamente dalla realtà, identificando il proprio desiderio sessuale solo con la dimensione visiva e con modelli non reali.

In sintesi il calo del desiderio sarebbe strettamente connesso alla perdita della concezione reale del sesso, quindi segua il consiglio e si consulti con un bravo psicosessuologo.

Ancora cordialità
[#4] dopo  
Utente 491XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio infinitamente per i suoi consigli ma come è ben constatabile provo parecchia vergogna ed imbarazzo a parlarne dal vivo con qualcuno...

Chiedo gentilmente un piccolo parere.

Il viagra non devo più adoperarlo vero?

C'è da dire che quella sola volta l'ho acquistato online ma sembra affidabile dato che funziona.

Sul distaccamento dalla realtà mi ero documentato anche io, ma appunto chiedevo, senza dialogare con uno psicosessuologo, a livello di risposta neurale, gli stimoli sessuali si "riattaccheranno" alla realtà qualora non dovessi mai più visitare siti porno e invece avere a che fare solo e sempre con la mia ragazza?

Ancora cordiali saluti e ringraziamenti sentiti.
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Vedo che il "fai date" è un atteggiamento frequente, nel suo caso, e che andrebbe sostituito con un confronto specialistico.

Cordialità
[#6] dopo  
Utente 491XXX

Iscritto dal 2007
Va bene.

La ringrazio per il tempo che lei mi ha concesso.

Da quanto ho capito è prettamente una problematica psicologica dipesa dal mio vissuto.

Dunque nulla di fisico giusto?

La psicoterapia di uno psicologo (dal quale già vado e mi trovo bene) potrebbe esser ugualmente d'ausilio?

Comunque secondo la mia opinione non guardare mai più robaccia pixelata mi farà abituare sempre più (come credo stia già accadendo) alla realtà con una partner.
(Mi corregga se sbaglio)
[#7] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Non la correggo, continui così.
[#8] dopo  
Utente 491XXX

Iscritto dal 2007
Sempre molto gentile :)

Senta.. dunque devo evitare di assumere farmaci quali viagra? (anche quelli su ricetta medica)

Ad esempio oggi ero stanchissimo e nessuna erezione.. niente da fare....

Altre volte invece ce l'ho ma non sufficientemente potente.. o a volte non sufficientemente duratura... sono rare le volte in cui è del tutto ok.

Il fatto è che io ero abituato spesso a "toccarmi" per far avere l'erezione... non l'avevo quasi mai spontanea soltanto "osservando"... perciò credo che dovrò avere pazienza e lavorarci parecchio...

Fatto sta che non riesco proprio a capire... inizio a fare "castelli in aria" e a sentirmi davvero triste e sottostimato....... mi perdoni per questa sorta di ansia dalla quale sono investito...

Allora avrò pazienza e ne parlerò con la mia psicologa che suppongo possa darmi una mano più concreta giusto?

Lei cosa può suggerirmi dal punto di vista prettamente medico oltre ad un consulto a livello psicologico? I farmaci seppur efficaci devo evitarli perché in realtà non sono la vera soluzione vero!?

Grazie mille per la pazienza ma voglio risolvere questo problema che mi ha rovinato tante giornate....

Cordiali Saluti....
[#9] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
"Allora avrò pazienza e ne parlerò con la mia psicologa che suppongo possa darmi una mano più concreta giusto?" ESATTO

"Lei cosa può suggerirmi dal punto di vista prettamente medico oltre ad un consulto a livello psicologico? I farmaci seppur efficaci devo evitarli perché in realtà non sono la vera soluzione vero!?" ESATTO


Come vede sta focalizzando la problematica.

Ancora cordialità
[#10] dopo  
Utente 491XXX

Iscritto dal 2007
Grazie mille, è stato anche merito suo il fatto che io stia focalizzando con più sicurezze la mia problematica.

Se fosse delle mie parti le offrirei un caffè!

Perdoni la petulanza, ma ho un altro piccolo pensiero che mi attanaglia.

Anche diversi miei amici visionano materiale pornografico, masturbandosi regolarmente, eppure non hanno (o almeno credo) problemi a letto.

Questo perché!? Forse perché io ne ho abusato per troppi anni mentre loro no?

Nell'atto della masturbazione non ho alcun problema erettivo anche se ciò implica il toccarmi affinché l'erezione avvenga, altrimenti non avviene sempre spontaneamente, a parte a volte durante alcuni giorni.

Non riesco a capire se sia una cosa normale o meno, o se la mia non sia semplicemente ansia da prestazione e nient'altro.

Fatto sta che "allenando" il pene con la masturbazione (magari non visionando materiale pornografico) può far bene poi al rapporto sessuale con la partner oppure no?

Quest'ultima è una domanda dal punto di vista medico per la quale non riesco a trovare risposta..

Cordiali saluti.
[#11] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
lei ha bisogno di analizzare la sua situazione con il bravo psicologo di cui mi ha parlato, sarà solo lui a consigliarla per il meglio e lasci stare "l'allenamento" .

Coprdiali saluti
[#12] dopo  
Utente 491XXX

Iscritto dal 2007
Dalla parsimonia delle sue risposte intuisco che non sia un problema poi così grave... tutti blocchi e schemi mentali insomma... la ringrazio molto...
[#13] dopo  
Utente 491XXX

Iscritto dal 2007
Mi perdoni il doppio post ma prima che mi dimentichi avrei una domanda molto importante da porle dal punto di vista medico e data la sua rimarchevole competenza so che mi potrà rispondere.

E' una mia curiosità.

L'assunzione saltuaria di farmaci quali il viagra da 50mg possono inibire l'erezione quando non lo si assume!?
O sarebbe sempre un fatto psicologico? (della serie la non assunzione del farmaco non garantirebbe un risultato sicuro e allora subentrerebbe l'ansia)

P.S. L'altra sera ora che ci penso ero proprio passivo poiché avevo bevuto una tennent's doppio malto dopo una giornata di footing e body building, alzato alle 8 di mattina...
Questo secondo lei ha influito negativamente vero?
[#14] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
le ho già risposto nelle precedenti sconsigliandole il "fai date" e di approfondire la tematica con il suo psicosessuologo ed eventualmente fare riferimento ad uno specialista andrologo che valuterà se, e quali terapie proporle.

Cordialità
[#15] dopo  
Utente 491XXX

Iscritto dal 2007
Va bene dottore, la ringrazio infinitamente :)

Da quanto ho capito a me serve solo un po' di terapia cognitiva poiché il mio problema è più che altro psicologico.

Vorrei porle un'ultima domanda di curiosità per arricchire il mio bagaglio culturale poiché sul web non trovo risposte esaurienti.

Quali rischi comporta il viagra fai da te?
[#16] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
buona giornata