Utente 169XXX
Buonasera gent.mi Dottori,
innanzitutto parto col dire che non sono sicuro se è balanite vera e propria (però il mio urologo, sicuro a metà direi, mi ha fatto la cura per balanite).

I fastidi sono i seguenti: il glande da tre giorni è arrossato, su di esso vi sono parecchi puntini rossi, ho un bruciore ed un prurito in quelle parti non indifferente (n. b. il bruciore non è nella minzione, ma solo sulla punta del pene e sul glande), poi ho un pochettino di difficoltà a retrarre il prepuzio, prima lo facevo con estrema facilità, adesso ci riesco pure, però devo fare più piano, però il glande, per fortuna, si scopre completamente. Ora, io non ho avuto rapporti e la mia igiene è più che buona..

Da questi sintomi.. può sembrarvi balanite, o cosa?

Vi riporto la cura dell'urologo:
Assumi minocin cpr 100, 1 cpr ogni 12 ore per 5 giorni. Applica gentalyn beta pomata 2 volte al giorno per 7 giorni, lavati con pevaryl sapone liquido due volte al giorno. Dopo aver finito questa terapia per altri 5 giorni applica prilagin crema 2 volte al giorno.

Con questa cura in quanto tempo potrò guarire? Tenendo conto che riesco a scoprire il glande (ci sono sempre riuscito) non credo ci sia bisogno di una circoncisione..
[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
balanite sicuramente. Ma si tratta di un termine generico , come rinite , farigite, etc.
Sarebbe utile spiegare balanite da X , e darle una connotazione.
Nella terapia vedo atb, antimicotici , cortisonici...ma non so se a monte vi è una ricerca sulle cause.
Chiarisca con il collega .
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Con questa terpia, caro Dottore, in quanto potrò guarirla?
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
mi sembra che il collega urologo abbia determinato circa 2 settimane (12 gg per l'esattezza) per il termine terapia.
Mi sembra ragionevole porre questo come termine per valutare l'effettiva guarigione (o meno).
cordialità