Utente 268XXX
Buongiorno Gentili Dottori,
avrei bisogno di un chiarimento. a causa di una lieve microematuria persistente, il nefrologo mi ha indicato di eseguire una uro-tc a completamento delle altre visite eseguite con il seguente referto:

> > il rene destro ptosico e una angolazione del giunto pielo-ureterale
> > destro con uretere che presenta decorso tortuoso ad aspetto
> lievemente
> > ectasico.

desideravo sapere di cosa si tratta di preciso e quali conseguenze potrebbe portare un rene ptosico e uretere con decorso tortuoso, le eventuali cause e quali accorgimenti addottare.
grazie saluti
[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
20% attualità
16% socialità
BENEVENTO (BN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Egregia Utente,
la presenza di un rene ptosico si caratterizza per un rene posizionato piuù in basso rispetto la sua sede naturale che èla loggia renale;è una condizione assolutamente benigna che di solito non comporta grossi problemi.Nel vs caso però, al presenza di un uretere tortuoso,ovvero di un condotto di collegamento tra rene e vescica di tipo serpiginoso (immagini una spirale) può determinare una facilità all'insorgenza di infezioni delle vie urinarie.In tali casi infatti,i nomrali meccanismi che regolano il deflusso dell'urina durante la minzionepossono essere deficitari e quindi vi può essere una naturale tendenza alle infezioni delle vie urinarie ed anche alla formazione di calcoli.L'esecuzione di una URO TC permetterà di identificare al meglio l'albero urinario .In generale questo rischio di infezioni potrebbe essere aumentato in gravidanza;tale rischio è generico ed è dovuto a cause anatomiche,non vi è peròalcuna controindicazione alla gravidanza.Come accorgimenti,sono gli stessi che diamo alle donne con problematiche di frequwnti infezioni: bere molto, svuotare spesso vescica senza trattenere;andare di corpo quotidianamente sfruttando fermenti lattici ed eventualmente blande dosi di sciroppo lassativo a carattere acido (lattulosio);coadiuvanti ad esempio mirtillo (loro ruolo in Letteratura non ancora definito ma a mio parere utili a cicli mensili) .
In generale state tranquilla e affidatevi fiduciosa al vs Nefrologo
Cordiali saluti a disposizione per chiarimenti
[#2] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
Gentilissimo Dott.Luciani, La ringrazio infinitamente per la sua risposta. Desideravo inoltre anche sapere, poichè dovrò sottopormi molto probabilmente a breve ad un intervento per la rimozione della colecisti, desideravo sapere se è il caso di fare presente al chirurgo di questo percorso tortuoso dell'uretere e magari di approffitarne in sede di quell'intevento per risolvere il problema del uretere?
[#3] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
20% attualità
16% socialità
BENEVENTO (BN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
La presenza di un uretere tortuoso è un'anomalia anatomica non passibile di modifica chirrugica soprattutto se tale anomalia non determina fenomeno di stasi urinaria .In presenza di stasi si possono utilizzare degli stents endoureterali ma non è il vs caso.Le problematiche colecistiche e ureterali sono non associate.Lo faccia cmq presente al chirurgo.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera Dottore, La ringrazio nuovamente per la sua preziosissima risposta. Ma le cause del rene ptosico e dell'uretere tortuoso quali potrebbero essere? Genetiche?
[#5] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
20% attualità
16% socialità
BENEVENTO (BN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Egregia Singora,
tali complesse uropatie malformative riconoscono una causa genetica;non sono detrminate da mutazioni cromosomiche specifiche su di un cromosoma (ad esempio sindrome di down) o mutazioni specifiche su di un gene conosciuto .Tali aptologie,riconoscono un'alterazione che si produce probabilmente nella vita embrionale nelle fasi di differenziazione.Provate a vedere se nella vostra famiglia esistono altri casi di questo tipo.Comunque c'è da dire che spesso sono misconosciute perchè asintomatiche.Anche nel vostro caso,ad eccezione della microematuria non vi sono altri sintomi.Qundi: seguite le indicazioni dei Colleghi nefrologi che vi seguono;come già vi ho detto,le problematiche che si potrebbero instaurare potrebbero e ribadiosco potrebbero essere di natura infettiva (cistiti/cistopieliti).In gravidanza,visto l'impegno dell'utero con il feto tali fenomeni potrebbero auemntare di intensità;tale condizione altresì non è una controindiaczione alla gravidanza.
a disposizione per ulteriori chiarimenti e per continuare a tranquillizzarvi !!!
[#6] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
Gentilissimo Dott.Remo, intanto La ringrazio nuovamente per la sua preziosa risposta.
Nel frattempo sempre a causa di questa microematuria, ho eseguito una ecografia addominale completa con il seguente referto:
Fegato regolare per dimensione ed ecostruttura senza evidenti lesioni focali.
litiasi unica della colecisti di 1,3 cm circa; non evidenti dilatazione delle vie biliari.
pancreas e milza come di norma.
reni regolari per dimensione e differenziazione cortico- midollare senza segni di stasi urinaria.
vescica repleta a pareti regolari.
non evidente versamento liquido endoaddominale.
non evidenti ispessimenti patologici delle anse intestinali esplorabili.

il mio nefrologo ha iniziato a sospettare una eventuale sindrome di alport in quanto ho scoperto di avere anche una ipoacusia sui toni alti.
ho quindi eseguito anche le analisi del sangue ed urine il 01\12\2012 che le riporto sinteticamente:
AZOTEMIA 20
CREATININA 0,74
EGFR >60
ACIDO URICO 2,90
POTASSIO 4,10
CALCIO 8,90
FOSFATASI ALCALINA 43
COMPLEMENTO C3 112
COMPLEMENTO C4 15 **
TITOLO ANTISTREPTOLISINICO 430**
PROTEINA C REATTIVA 0,20

ESAME URINE:
PH 5,0 **
ESTERASI LEUCOCITARIA 0
NITRITI ASSENTI
PROTEINE 10
GLUCOSIO 0
CHETONI 0,00
UROBILINOGENO 0,0
BILIRUBINA 0,00
EMOGLOBINA 10
DENSITà 1010 **

LEUCOCITI 00
EMAZIE 00
CELLULE EPIT.SQUAMOSE 00
BATTERI ASSENTI

In attesa di un suo parere in merito, porgo cordiali saluti e Le auguro un felice 2013. saluti
[#7] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
20% attualità
16% socialità
BENEVENTO (BN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Egregia Signora,
sinceramente il sospetto clinico del Collega è sicuramente meritevole di attenzione;mi pongo una domanda: 1) esistono in famiglia altri casi con parenti in dialisi o con IRC ? Nello specifico seguirei con calma la cosa con controlli frequnti della funzione renale.Al limite si potrebbe eseguire uno studio del collageno con biopsia cutanea al fine di definire al meglio suddetto sospetto clinico.
A vs disposizione per chiarimenti
vi saluto
[#8] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio nuovamente dott.Luciani per la sua disponibilità. si in effetti nella mia famiglia cè stata una zia che ha subito un trapianto di reni una decina di anni fa. Le cause purtroppo non le abbiamo mai sapute (all'epoca si parlava che avesse avuto una infezione) in quanto non siamo piu in contatto con questa parente. e quindi so solo che è stata per diversi anni in dialisi nell'attesa del trapiano eseguito verso i 35 anni. nel frattempo mi sono decisa e ho eseguito pochi giorni fa il prelievo venoso per lo studio del collagene. verso aprile avrò la risposta. e nel frattempo eseguo come da lei consigliato controlli di routine della funzione renale. ho eseguito anche una ecografia addominale completa dove risulta tutto nella norma. sono molto in ansia per il referto che arriverà sullo studio del collagene. anche perchè se dovessi avere la sindrome di alport, si tratta di una malattia talmente rara e variegata che in ogni soggetto sfocia in maniera diversa. ma nel caso di questa mia zia, può una semplice infezione delle vie urinarie portare alla dialisi dei reni? oppure ci vuole una patologia ben piu grave alla base per arrivare alla dialisi?
[#9] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
20% attualità
16% socialità
BENEVENTO (BN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Egregia signora,
in medicina si danno giudizi prognostici basandosi su dati certi; un giudizio globale potrà essere dato solo con i risultati dello studio del collagene od eventualmente una biopsia renale.Solo con una diagnosi precisa si potrà dare un giudizio prognostico giusto e mirato.
State tranquilla ed attendete con fiducia l'esito dei controlli eseguiti.
Cordiali saluti
[#10] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera Dottore, sono ormai passati 4 anni dall'ultimo consulto ma io mi rivolgo nuovamente a lei visto i suoi preziosissimi consigli e la sua professionalità. nel frattempo ho ricevuto i risultati genetici che hanno escluso la sindorme di alport. la microematuria persiste ma non è aumentata nel corso di questi anni. la stessa cosa per la ipoacusia neurosensoriale. nel frattempo sono alla ricerca di una gravidanza che però a distanza di 3 anni non arriva. sono infatti affetta da endometriosi profonda grave al setto retto vaginale. e ormai da anni che noto a livello della vescica un sintomo strano. l'urina scende molto lentamente. a goccie... anche se mi sforzo non ho mai avuto un getto di urina fortissimo. ma è un sintomo che ho ormai di sicuro da almeno 6-7 anni. non l'ho mai fatto presente in quanto mi ha sempre accompagnato negli anni. può essere il rene ptosico a percorso tortuoso a causarmi questo sintomo? è il caso di fare ulteriori accertamenti? ho eseguito da poco un eco addome (marzo 2016) dove non risultavano dilatate le vie urinarie ma c'era il sospetto di una plica endometriosica vescicale... può essere forse questa la causa?