Utente 273XXX
Buonasera,
sono un ragazzo di 29 anni, lo 01.10.2012 sono stato sottoposto ad un intervento (in anestesia generale) di sinusite(causa estrazione dentale) con tecnica "ballon terapy"che però ha avuto scarsi risultati... ora dopo nuova visita specialistica dovrei sottopormi ad un nuovo intervento chirurgico il 25.10.2012 (FESS?) che dovrebbe essere risolutivo(almeno per il momento)... ho il terrore dell'anestesia generale (già la scorsa volta vivevo i giorni prima dell'intervento con la paura che fossero gli ultimi della mia vita) e un po' me ne vergogno perchè so che c'è gente con problemi più gravi di me che deve sopportare queste sofferenze.. tornando a me sono alto 1,78 e peso sui 93kg... circa 4 anni fa ho subito un infortunio sul lavoro, che mi ha causato la frattura dell'apice di alcuni denti, ma visto che nessuno si è mai accorto di questo e i dolori erano sempre più insopportabili, i medici mi hanno prescritto come antifolorifico Depalgos ossicodone10 mg/paracetamolo 325mg 3/4 volte al di (ora per dipendenza ne prendo 90 mg al giorno) da circa 2 anni... e a detta loro per una mia "depressione" mi hanno dato cymbalta 30mg 1 volta al di (oggi assumo 30 mg ogni 4 giorni in via di diminuzione) dopo 4 anni di cure mediche sono stanco e spaventato, anche perchè finito questo intervento dovrei entrare in una casa di cura (parco dei tigli) per la disintossicazzione completa dai farmaci, e riprendermi la mia vita... quello che vorrei gentilmente capire è questo, al primo consulto con l'anestesista (1 operazione) mi ha classificato come ASA1, tutto è andato perfettamente a parte un po' di tachicardia al risveglio, ora dopo 20 gg un altro anestestista (in realtà mi ha detto che lavora nel reparto di antalgia) mi ha classificato come ASA 2... cosa può essere cambiato in questi giorni? non ho particolari problemi ne allergie tranne all'acaro della polvere... sto vivendo male questi giorni... la mia paura è quella di non svegliarmi per un problema con l'anestesia... è probabile che se è andato bene pochi giorni fa vada bene anche questa volta? gli anestesici usati saranno probabilmente gli stessi? chiedo scusa per la lunghezza di questo post... ma come avrete capito sono davvero terrorizzato.. ringrazio anticipatamente di cuore chi mi risponderà e mi schiarirà un po' le idee in merito... cordiali saluti..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Irene Tosetti
20% attività
0% attualità
4% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2012
la classificazione ASA è operatore-dipendente, cioè dipende molto dal punto di vista del medico anestesista che la esamina. Questo è il grosso limite della classificazione ASA, che serve giusto a dare un'idea grossolana dello stato di paziente. ASA1 e ASA2 sono comunque pazienti a rischio di complicazione basso. Quindi non si spaventi per la differenza di classificazione.
Andrà tutto bene; oggi una persona come lei non presenta particolari problemi tecnici in anestesia generale. Discuta bene col Suo anestesista dei farmaci contro il dolore che sta già assumendo, così potranno darle dosi adeguate alle abitudini del suo corpo nel postoperatorio. Chieda anche un farmaco contro l'ansia preoperatoria.
cordialità