Utente 273XXX
Scrivo per un problema che ho da molto tempo ormai: dopo un periodo di forte stress ho iniziato a soffrire di candidosi a livello vaginale. Nonostante le varie terapie, questo disturbo si ripresenta periodicamente in concomitanza all'assunizione di determinati alimenti- zuccheri e farinacei - nonché, di terapie antibiotiche. Vorrei sapere come comportarmi con il mio compagno, ovvero: tenuto conto che quando avverto i sintomi della candida evitiamo completamente di avere rapporti, può essere presente un rischio di contrarre l'infezione anche quando io non avverto alcun fastidio? Se si, come posso proteggerlo al meglio? Inoltre, essendo risultata positiva al test della saliva per la candidosi intestinale, vorrei sapere anche se, attraverso rapporti con il mio compagno, potrei trasmettergli anche questo problema? Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve, alcune informazioni nel mare magnum di imprecisioni (indotte).
La Candida vive normalmente nel nostro intestino
Quando si cura la candidiasi genitale vanno curati , e molto bene, entrambi i partner.
Il cibo non c'entra un beato niente con la candidiasi, a meno che non si sia diabetici.
Mesii questi punti fermi, trovi un buon ginecologo che ri inquadri il suo problema, magari con l'aiuto di un esame colturale e di un antibiogramma e la curti come si deve

SAluti