Login | Registrati | Recupera password
0/0

Formazioni ipodense nel fegato e ispessimento parietale cieco

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012

    Formazioni ipodense nel fegato e ispessimento parietale cieco

    Buongiorno, avrei bisogno di un consulto. A mia madre di 73 anni è stato diagnosticato dopo TAC con mdc ed ecografia addome un tumore all' intestino in zona del cieco ed una metastasi al fegato. L' ecografia riporta: "il fegato presenta ecostruttura completamente sovvertita dalla presenza di plurime formazioni ipoecogene con orletto ipoecogeno tendenti alla confluenza e pertanto mal delimitabili, localizzate in entrambi i lobi". La TAC riporta:"non si osservano lesioni focali di aspetto evolutivo a carico del parenchima polmonare. Si apprezza discreto versamento pleurico in sede medio basale dx con atelettasia delle piramidi postero basali. Si segnala quadro di congestione del piccolo circolo.Il fegato ha dimensioni incrementate e presenta plurime formazioni ipodense di diametro max compreso tra pochi mm e 6, 7 cm e diffuse a tutti i segmenti con aspetto di lesioni ripetitive.Non si osservano significative alterazioni a carico di milza pancreas reni e surreni. Vie escretrici urinarie non dilatate.L'aorta intensamente ateromasica non mostra dilatazioni aneurismatiche.Non si osservano linfonodi di diametro patologico in sede ilo-mediastinica ed interaortocavale.In corrispondenza del cieco pare apprezzabile ispessimento parietale sospetto per lesione evolutiva (primitiva? ).Presenza di discreta falda liquida peritoneale in sede perisplenica e nel cavo del Douglas.Non evidenti masse anomale in scavo pelvico. Non si osservano lesioni solide di aspetto ripetitivo a carico del rachide dorso-lombo-sacrale e del bacino".I medici che la seguono hanno detto che l'unica soluzione adattabile è, dopo prelievo bioptico, la chemioterapia che rallenterebbe il decorso della malattia. Vorrei sapere se è questa l'unica soluzione o se, in un centro più all' avanguardia, si possano prendere in considerazione terapie chirurgiche, chemioterapiche o altro atte a garantire la guarigione di mia mamma. Faccio altresì presente che mia madre è affetta da spondilite anchilosante ben compensata con farmaci (metrotrexate) . Ringrazio per la vostra disponibilità.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 497 Medico specialista in: Oncologia medica

    Risponde dal
    2007
    In molte patologie (diabete, ipertensione. parkinson ecc...) la cronicizzazione è spesso un bel risultato. L'importante è sempre un buon rapporto qualità/quantità.


    Cordiali Saluti
    Dr. Alessandro D'Angelo
    (email: dangelo@oncologiataormina.it)

  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    La ringrazio tanto... probabilmente è un mio handicap, ma non riesco a capire cosa Lei voglia dire..sta associando tutto alla patologia reumatica?? Sta di fatto che dopo la colonscopia effettuata 2 giorni fa i medici ci hanno detto che si è formato un carcinoma a grappolo del colon con metastasi al fegato... non riesco a capire come possa centrare con la spondilite...



Discussioni Simili

  1. Consulto per fegato e intestino
    in Oncologia medica
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 18/10/2012, 23:49
  2. Cancro al fegato
    in Oncologia medica
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18/09/2012, 19:10
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 05/12/2012, 19:24
  4. Colon-fegato
    in Oncologia medica
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 02/02/2013, 13:10
  5. Tumore al fegato
    in Oncologia medica
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 23/04/2012, 11:29
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,05        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896