Utente 271XXX
Buonasera gentili medici ,
sono una ragazza di 17 anni che da 3 anni circa combatto con la caduta dei capelli e con i problemi che ne seguono (eccesso di sebo , prurito ecc..) finora ho sempre pensato che fosse l'anemia a provocarmi tutti questi problemi ma sinceramente anche integrando il ferro i capelli persi non mi sono mai ricresciuti, anzi ... Adesso ho intenzione di rifare le analisi del sangue e stavolta senza tralasciare niente.Volevo chiedervi quali sono le analisi ormonali che devo richiedere al mio medico di base o ginecologo ... leggo spesso che molte ragazze fanno un "sondaggio ormonale" o qualcosa di simile per sapere il livello degli estrogeni ecc.. potreste chiarirmi un po' le idee ? Vi ringrazio in anticipo. Buona serata .

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Stefano Battaglini
36% attività
0% attualità
12% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Bisognerebbe prima di tutto capire di che tipo di caduta di capelli (alopecia) si tratti. Nel caso in cui fosse una forma androgenetica sarebbe utile eseguire il dosaggio degli ormoni androgeni, ma è necessaria una attenta valutazione della situazione da parte del suo dermatologo. Un saluto
[#2] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Mi aggiungo.
Come giustamente detto dal collega bisogna fare dei distinguo. E infatti tanto altro deve essere preso in causa nella diagnostica tricologica .
Limitandoci al defluvium androgenetico, un defluvium in telogen con miniaturizzazione del capello,, frequente, possiamo notare che è sostenuto da una serie di ormoni androgeni che alla fine , a cascata, attraverso varie trasformazioni, arrivano a legarsi a recettori citosolici presenti nel follicolo, determinando interazioni con la cromatina nucleare e in definitiva ...il processo di miniaturizzazione.
Questo è diverso da uomo e donna per vari fattori, però alla fine legati a presenza di ormoni , enzimi paricolari e recettori geneticamente sensibilizzati.
Quindi perchè si abbia questo processo si necessita di androgeni e sensibilità recettoriale geneticamente determinata.
Capirà che quindi il lavoro di diagnostica tricologica , amplissimo, comprende questi dosaggi (androstenedione, DHEA, T, etc) e molto altro.
E si parte sempre dall'esame obiettivo.
Cordialità