Utente 256XXX
salve sono mesi ormai che accuso acufeni bilaterali a stessa intensità, visita otorino perfetta audiogramma perfetto nessuna patologia dell'orecchio, prima degli acufeni ho avuto un solo giorno di perdita continua dell'equilibrio ma non a giramenti di testa ma piu come sensazione improvvisa di cadere e mi dovevo tenere, mi ristabilivo il tempo di andare da una stanza all'altra nuova vertigine, ma solo un giorno la vertigine è durata... a distanza di 2 mesi dall'inizio degli acufeni eseguo rx cervicale che riporta primi segni di uncoartrosi e rettilizzazione del rachide. Accusavo all'esordio degli acufeni bilaterali dolore a trafitta alle tempie, da qualche settimana accuso dolori occipitali dello stesso tipo di quelli avuti alle tempie ed è comparso un disturbo visivo una visione puntinata come i televisori vecchi quando nn prendevano segnale su tutto il campo visivo. Soffro pure di contratture ai muscoli del collo soprattutto gli anteriori e facendo corsa dopo 25 minuti/mezzora ho un senso improvviso di malessere annebbiamento alla vista senso di svenimento.

Ho prenotato una risonanza intanto che farò a giorni, dai sintomi che ho cosa si potrebbe escludere o ipotizzare? sono possibili cause vascolari?
[#1] dopo  
Prof. Ugo Bertoldo
24% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,
non è chiaro se ha prenotato una risonanza della colonna cervicale o dell'encefalo. Sarebbe utile anche sapere se ha già fatto un ecodoppler dei vasi del collo, per valutare le arterie vertebralì.
Ci aggiorni sull' evoluzione dei suoi esami.
Buona giornata
[#2] dopo  
Utente 256XXX

Iscritto dal 2012
Grazie mille della risposta, l'rm è encefalo e cervicale. Il medico mi aveva parlato di angio rm, che differenza c'e col ecodoppler per il mio caso? se risultasse un problema alle arterie basilari si potrebbe curare l'acufene se non risulta danno dall'rm?

grazie
[#3] dopo  
Prof. Ugo Bertoldo
24% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Buongiorno,
Con la angio-risonanza magnetica dell'encefalo è possibile valutare la circolazione cerebrale, con l'Ecodoppler si valuta la circolazione dei vasi extracranici, le carotidi e le vertebrali, e queste ultime danno origine all'arteria basilare, all'interno del cervello.
Ora attenda l'esito della RM e ci tenga informati.

Buona domenica
[#4] dopo  
Utente 256XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno ho ritirato i risultati della risonanza, praticamente non ce nulla

strutture mediane in asse, sistema ventricolare normale per forza e dimensione.
non zone di alterato segnale a carico del parenchima cerebrale e cerebellare
normale visualizzazione degli spazzi sub aracnoidei della volta e della base.
nelle immagini mirate allo studio del tratto cervicale, non zone di alterato segnale a carico del midollo spinale, sino a ths, limite inferiore di studio, non zone di alterato segnale a carico dei corpi e dischi vertebrali esaminati, e non immagini da riferire a protrusioni o ernie discali molli.

Domani torno dall'otorino.
Le uniche patologie accertate a questo punto sono solo uncoartrosi diffusa alla cervicale refertata mesi fa con raggi x.
Il medico è fortemente scettico se farmi fare l'angio rm perchè afferma che non ho sintomi tali da indagare il circolo venoso anche perchè la vertigine l'avrei avuta anche altre volte e non solo un episodio mesi fa, poi ho 26 anni ed anche se ce il problema adesso non si puo vedere ecc, che gli acufeni non sono una malattia li hanno tutti, e chi li ha un po di piu si deve rassegnare perchè non ce causa certa ne cura certa per trattarli, solo per scrupolo mi ha fatto fare la risonanza ha detto prima che avevo qualcosa di grave, e di approfondire il discorso con un otorino per eventuali idropi o sindromi menierose anche se in effetti è raro che si manifestino contemporaneamente in ambe le orecchie.

come mi dovrei comportare?

cordiali saluti


[#5] dopo  
Prof. Ugo Bertoldo
24% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Il consiglio è di sentire il parere di un otorino e di un neurologo