Utente 274XXX
Buongiorno,sono un uomo di 62 anni,alto 174 cm,peso 93 kg,corporatura robusta,iperteso,fumatore (due-tre sigarette al giorno),non casi analoghi riportati in famiglia,no sintomi,sono pensionato,esco quasi tutti i giorni a fare una camminata a passo spedito di 25 minuti circa. Mi è stata diagnosticata nell'ultima tac senza mezzo di contrasto (al quale sono fortemente allergico,mio fratello ci è rimasto sotto),effettutata il 19/10/2012,una ectasia dell'aorta ascendente che misura 51mm di diametro massimo fino a livello dell'arco dove misura 45mm,l'aorta toracica discendente misura 30mm,l'aorta addominale sovrarenale di 25mm e sottorenale,con grossolane calcificazioni parietali di 23mm. Dall'ecocardiogramma color doppler effettuato in data 27/10/2012 emerge: ventricolo sinistro con lieve aumento del diametro telediastolico; ipertrofia parietale;funzione sistolica globale conservata. Ectasia della radice aortica (46mm) e dell'aorta ascendente esplorabile con la metodica (51mm); ispessimento sclerotico-calcifico della cuspide destra; morfologia valvolare tricuspidalica,insufficienza valvolare aortica moderata e lieve stenosi; insufficienza mitralica lieve-media;minimo rigurgito tricuspidalico.Pattern flussimetrico mitralico da disfunzione diastolico primo. Negli anni passati ho cercato sempre di mantenere la pressione arteriosa nei limiti,con i farmaci,attualmente assumo sequacor (1,25mg) la mattina,neolotan plus (100mg+25) dopo pranzo,zanedip (20mg) alle 17.00 e catapresan tts2 (cerotto),ma spesso anche a causa dei forti stress subiti non ci sono riuscito e comunque l'ho avuta sempre tendente da valori di 90/130 in su,solo in questi giorni mi hanno consigliato vivamente di tenerla sotto il valore di 80/120 e comunque con questa terapia sto riuscendoci,e credo sia tardi ora,ma meglio tardi che mai. Negli anni passati rileggendo gli ecocardiogrammi effettuati ho rilevato diverse misurazioni che riguardavano l'ectasia dell'aorta ascendente nella fattispecie: il 27/10/2006: 47mm-. il 30/10/2006: 43mm-. il 29/01/2009: 49,55mm-. il 10/3/2009: 45mm-. il 4/10/2011: 47mm-. il 22/12/2011: 46,5mm-. il 17/9/2012: 48.7-. il 26/9/2012: 48mm, fino alla tac in cui è risultata 51mm. Mentre i valori del bulbo aortico vanno dai 44mm ai 47mm. Vorrei un commento su tutti questi valori,su quali siano secondo voi quelli più affidabili e alla luce di questi numeri relativi agli ultimi 6 anni come posso valutare la progressione dell'ectasia? Mi rendo conto che la situazione del mio cuore è molto seria ,vorrei un vostro parere,è il caso di operarmi subito?(credo di sì) Non so a quale centro per la cardiochirurgia vascolare e valvolare rivolgermi,magari mi potreste consigliare quello che scegliereste per voi stessi,magari in privato?(fino ad ora ho trovato solo medici che non sono stati nemmeno in grado di consigliarmi di tenere la pressione sotto i 120/80).Attendo fiducioso le vostre risposte.Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Le dimensioni dell'aorta ascendente,la presenza di ipertensione arteriosa scarsamente responsiva alla importante terapia medica, la progressione di circa 5 mm in meno di un anno, fanno propendere verso un intervento di sostituzione dell'aorta ascendente in elezione.

Smetta di fumare e perda peso in attesa dell'intervento, che puo effettuare in uno centri cardiochirurgici romani , considerando la sua zona di appartenenza.

Per qualsiasi altra domanda o spiegazione, non esiti a contattarmi.

iaci.giuseppe@hsr.it
[#2] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio vivamente per la risposta
Cordiali saluti.