Utente 274XXX
salve,
in seguito ad una sfortunata caduta mi sono procurato una ferita da taglio al polso con interessamento dei tendini flessori e la sezione completa del nervo mediano. Sono stato operato per la ricostruzione del nervo mediano termino terminale e la tenodesi dei flessori I,II,III. A distanza di quasi una settimana dall'intervento inizio ad accusare dolori lancinanti al palmo della mano e alle dita in particolare durante le ore notturne quando mi ritrovo in posizione orizzontale. al momento non ho ancora riacquistato nemmeno in minima parte sensibilità alle dita interessate. Premetto che la mano è immobilizzata con un gesso quasi fino alle punte delle dita per cui i dolori non sono imputabili a sforzi particolari.

Volevo chiedere se tale decorso è normale e quanto tempo dura questa fase di dolore acuto e quali sono i tempi di recupero del nervo.

Gia dai primi controlli post operatori mi è stato detto che probabilmente sarà necessario reintervenire per il flessore dell'indice che sembra ancora non accennare a nessuna millimetrica contrazione. Per tale intervento sarà necessario aspettare la stabilizzazione della situazione del nervo mediano.

Mi chiedo se questo intervento posteriore al tendine richiede di norma un recupero lento e doloroso come quello che sto affrontando per il nervo o se si tratta di un intervento meno "importante".

Ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

i suoi disturbi sono certamente imputabili alla lesione del nervo mediano, non a quella dei tendini.

E' normale che non abbia ancora recuperato alcuna sensibilità delle dita: dovrà aspettare da 2 a 4 mesi (dipende dalla velocità di rigenerazione delle fibre nervose e dalla percentuale di esse che riescono ad attraversare la sutura (neurorrafia).

Infatti, a seconda del tipo di ricostruzione nervosa (neurorrafia epifascicolare, fascicolare oppure tubulizzazione con vena autologa o con tubulo sintetico), una parte di fibre nervose non attraversa il punto di lesione oppure fuoriesce dalla stessa, disperdendosi nell'ambiente circostante.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
grazie, in attesa della visita col medico le cose mi sono ora più chiare e sono molto più sereno.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
OK.