Utente 249XXX
Ho appena ritirato gli esiti dello spermiogramma di mio marito, dal quale risulta un dato che mi pare allarmante
Leucociti 6 (mil/ml).
Presenza di autoanticorpi di superficie per la classe IgA-leucospermia- alcune cellule germinali.
In attesa di poter incontrare l'andrologo sto cercando di informarmi, e, se non ho capito male, questo dato segnala una infiammazione... dovuta a cosa saranno altre analisi a stabilirlo e quindi di conseguenza se ne deciderà la cura.
Ora vi chiedo:
La leucospermia può danneggiare la salute "generale" di mio marito?
Ci può essere una connessione tra questa sua infiammazione ed una mia candidosi asintomatica diagnosticata a marzo e mai curata? ( ho ritirato gli esiti del un pap test di controllo solo di recente, e il ginecologo, visto la mancanza di sintomi e il tempo trascorso, non ha dato tanta importanza alla cosa)
Questa elevata leucospermia può essere di ostacolo alla gravidanza che cerchiamo?

Grazie fin d'ora

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,i dati relativi al ruolo della leucospermia sono controversi anche se,spesso,depongono per uno stato flogistico delle vie seminali che,in alcun modo, attentano alla salute del Suo partner ma di certo non favoriscono la fecondazione.Attendiamo la diagnosi andrologica reale e non virtuale.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 249XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la celere risposta,
vi terrò aggiornati sulla diagnosi "reale", anche se non nascondo che un valore così alto rispetto a quello di riferimento mi lascia un pò preoccupata.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non ci fermiamo sui numeri e percentuali.Aspettiamo gli esiti della diagnosi.Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 249XXX

Iscritto dal 2012
Buon giorno dottore,
scusi se riprendo il discorso, abbiamo fissato l'appuntamento con l'andrologo per questo venerdì ma, nonostante 3 giorni possano sembrare pochi, mi sto ancora ponendo alcune domande e in particolare sto pensando al fatto che possa esserci una relazione tra la candidosi e la leucospermia.
Nella sua prima risposta accennava al controverso ruolo della leucospermia, ho letto qua e là che anche le cause sono controverse, mi chiedo però se i suoi studi o la sua esperienza, le hanno fatto mai riscontrare concomitanze o relazioni tra questi due stati alterati, o se esistano altre cause.
In più non mi è chiaro se la "Presenza di autoanticorpi di superficie per la classe IgA e di alcune cellule germinali" siano strattamente correlate alla leucospermia o siano altri fattori "patologigci" da considerare separatamente.
Ringraziandola ancora
le porgo i miei cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...ha messo altra carne sul fuoco su problematiche controverse,quali,ad esempio,quelle legate alla immunologia della riproduzione...Se una candidosi è dimostrata,va curata aldilà della correlazione con la leucspermia che,mi creda,non è il cuore del Vostro problema,anche considerando l'età matura della coppia che consiglia di far riferimento alla sola competenza dell'andrologo e ginecologo reali e non virtuali,per non rischiare di perdere tempo prezioso...Ci aggiorni,se ritiene,dopo la diagnosi andrologica. Cordialità.
[#6] dopo  
Utente 249XXX

Iscritto dal 2012
Grazie,
cercherò di avere pazienza e aspetterò di parlare direttamente con i medici competenti.
Abbia pazienza anche lei se la mia "ignoranza" ha impazienza di essere colmata.
Vi aggiornerò dopo la diagnosi.
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Utente 249XXX

Iscritto dal 2012
a distanza di circa un mese vi aggiorno, perchè altri utenti possano trovare utile questa discussione.
L'andrologo non ha dato cause certe per questo tipo di problematiche, pare che molto sia dovuto allo stile di vita decisamente stressante, di mio marito.
Ha quindi prescritto una settimana di antibiotici e a seguire degli aminoacidi come integratori, rimandando ulteriori considerazioni ad ulteriore spermiogramma dopo 3 mesi.
Prima della cura ero però già rimasta in cinta, e questo lo dico a consolazione di chi come noi cerchi un bimbo e abbia valori non "ottimali".
Ringraziandovi della disponibilità vi saluto cordialmente