Utente 274XXX
Buon Giorno, la mia penso sia una storia che evidenzia dei problemi molto comuni anche se le sfacettature di un eventuale causa psicogena sono alquanto insolite.
Una breve anamnesi 34 anni molto sportivo ex fumatore no bevitore, assunto in passato(fino a 20 anni ecessive dosi di anabolizzanti a scopo sportivo).
Fuori dalla norma, rapporti frequenti fino a 5 mesi fa anche più volte al giorno con persone diverse a scopo "lavorativo", spesso coadiuvate dall'uso di viagra per garantire prestazioni particolarmente vigorose.
Psicologicamente sono un soggetto egocentrico, in passato ho subito cmq vari periodi di depressione che non sono mai del tutto scomparsi, soggetto a volte ansioso
non mi sono mai imbarazzato nell'atto sessuale, pur ricoprdando tutte le cilecche della mia vita (4 di cui tre quedst'anno).
da 6 mesi ho inetrotto la mia attività sessuale non essendo il mio impiego primario, da tre mesi frequento una bellissima ragazza in modo regolare, purtroppo la prima volta ho fatto cilecca ed ora è un susseguirsi di disastri, non avrei mai creduto di poter soffrire per questa patologia.
raggiungo l'erezione solo con stimolazione, spesso autostimolazione che infastidisce la mia compagna, ottengo un erezione eccelsa che però cala in una decina di secondi se non vi è contatto con il pene.
Ho erezioni notturne e mattutine meno frequenti e vigorose ma presenti.
Mi sento di nuovo depresso sotto stress e stanco per vari motivi

Non ho avuto rapporti sessuali con altre e non intendo averne essendo per assurdo molto fedele.
ho fatto degli accertamenti andrologici che posso brevemente riportare, fisicamente sono il ritratto della salute, le dimensioni di testicoli sono perfette, il pene non presenta alcuna malformazione
esami generali dell'emocromo ed urine eccelsi
altri valori analizzati:
GPT 16 UL/L
GAMMA GT 18 UL/ L
FSH 3.9
LH 5.4
TESTOSTERONE 5.55
(avrei preferito altri valori endorinologici visto lo smisurato uso in passato di anabolizzanti e la tendenza a stadi di depressione anche molto gravi)
dicono sia tutto regolare, in breve farò un ecodopler dinamico anche se sottolineo che con viagra e levitra ho erezioni durature (ore) anche dopo la prima eiaculazione e sempre al massimo della resa.

ora mi chiedo
-posso fare secondo voi altri esami dato che considero l'esclusione di cause fisiologiche il primo passo per affrontare un problema psicogeno?

- non sono d'accordo con l'uso di viagra e levitra ma lo sto usando anche su consiglio dell'andrologo, la cosa mi sta creando però dipendenza psicogena

- non esiste una cura farmacologica di carattere psicotico (antidepressivi ecc?)


a conclusione degli esami intendo recarmi da un psicoterapeuta anche se il fatto di aver le erezioni che ho descritto mi induce a pensare anche ad un problema fisiologico che vorrei individuare e curare senza viagra o levitra. conosco molto bene il mio corpo, non sono tipo da erezioni di 8 secondi.
mi è stato suggerito il Wellbutrim ma non da un medico.

salut

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
quandosi usa il viagra, il levitra o il cialis a scopo ricreazionale si possono creare delle situazioni di anormalità che è necessario correggere con opportuno supporto andologico/psicosessuologico e solo in tale sede può essere prescitta la terapia idonea. Eviti assolutamente per non danneggiarsi ulterioremente con le sue proprie mani le autoprescrizioni.

Se le può essere utile può leggere il mio articolo:

http://www.medicitalia.it/ginoalessandroscalese/news/2398/Viagra-per-uso-ricreazionale-causa-disfunzione-erettile.
[#2] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
ho letto la sua lunga e minuziosa storia clinica :
1-Se l'erezione con levitra o viagra c'è ,è completamente inutile eseguire doppler e in particolare quello dinamico con infiltrazione di prostaglandine, in quanto è esclusa una causa vascolare.
2) Penso che la cosa migliore , che è poi la stessa che Lei vuole fare alla fine, sia di rivolgersi quanto prima entrambi ad un onesto psicologo sessuologo, entrambi perchè il problema non è solo suo ma della coppia .
Da quanto lei riferisce con precisione si tratta di una impotenza psicogena.
Cordialmente
[#3] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dott Scalese innanzitutto ringrazio lei e chi intenderà prender in considerazione il mio caso, vorrei precisare che si ho assunto per scopi professionali il viagra inusualmente e senza motivo reale ma che cmq Ben due Andrologi che mi hanno visitato negli ultimi 15 gg me l'hanno riprescritto questa volta non per lavorare. Il mio dubbio richiesta è la disfunzione erettile è curabile solo con viagra ecc (che poi non sono una cura) o in certuni caso si possono usare psicofarmaci, farmaci per il diabete colesterolo o quant'altro cura la patologia che determina la disfunzione erettile? Il mio caso sarà psicogeno quindi ....psichiatra? Non ho ancora visto nel forum il suggerimento a soluzione con qualcosa che non sia un fosfoinibitore...
[#4] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dott mallus, grazie per la risposta, sul primo punto la ringrazio particolarmente non vorrei che mi si tolgano 180 euro inutilmente privatamente dal mio Andrologo....
Perché cmq erezioni di 10 secondi?
Non posso fare terapia di coppia per la mancanza di collaborazione da parte della mia compagna, che ne pensa degli psicofarmaci e di uno psichiatra anziché uno psicologo? Non ho fiducia degli psicologi... Io stesso ho sempre dato consigli saluti
[#5] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dott mallus, grazie per la risposta, sul primo punto la ringrazio particolarmente non vorrei che mi si tolgano 180 euro inutilmente privatamente dal mio Andrologo....
Perché cmq erezioni di 10 secondi? Non ho mai avuto questo problema poi non le mantengo nemmeno da solo
Non posso fare terapia di coppia per la mancanza di collaborazione da parte della mia compagna, che ne pensa degli psicofarmaci e di uno psichiatra anziché uno psicologo? Non ho fiducia degli psicologi... Io stesso ho sempre dato consigli saluti
[#6] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Per quanto Lei possa avere le sue buone ragioni sulle valutazioni in merito agli psicologi
sono proprio gli psicologi che si occupano solo di sessuologia gli specialisti in materia. Riguardo all'uso di psicofarmaci ( vengono usati antidepressivi ) nella mia esperienza non ho trovato con tali farmaci soluzioni terapeutiche valide e durature nel risolvere il problema in oggetto per cui ne ho abbandonato l'uso.
Cordialmente
[#7] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Scusi se mi ripeto ma nel suo caso sarebbe opportuno la collaborazione fra andrologo e psicosessuologo anche se mi rendo conto che sia difficile da attuare, anche se ad oggi quest joint-venture sembra sempre più diffusa.
In genere l'andrologo ha sempre un contatto con un psicosessuologo di fiducia provi a riparlarne.
[#8] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Mi associo alle risposte dei Colleghi, e' proprio vero gli andrologi, collaborano a stretto contatto con gli psicologi perfezionati in sessuologia.
Le linee guida internazionali ed i protocolli di intervento per deficit erettivi,con etiologia psicogena, non possono tener conto degli stili di vita del paziente, della coppia in cui la sessualita' abita, del protocollo di svezzamento farmacologico, delle cause inconscie e relazionali, ecc..
Le allego qualche lettura per approfondimenti, sperando di lenire la sua diffidenza
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/106/Dipendenza-psicologica-dalla-terapia-orale-per-il-deficit-erettivo

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1929/Mancanza-d-erezione-il-sintomo-va-sempre-tolto-o-talvolta-mantenuto

http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html

Le ricordo inoltre, che dire che non c' e' nulla di organico, non significa che non c' e' nulla di psichico, ma che le cause sono " altre ed altrove"
[#9] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
ringrazio tutti per le loro risposte, una piccola parantesi che ametto vuole essere un po polemica è cmq questa, perché si prescrivono i fosfoinibitori a tutti coloro che hanno problemi erettivi legati ad un problema psicologico? lo dico perchè non penso di essere l'unico ad aver aggravato i propri problemi, ora oltre all'ansia da prestazione devo combattere con la dipendenza da pillola dell'amore!!! parentesi chiusa grazie dott.sa Randone ho letto altre sue risposte ed articoli, purtroppo non è un percorso facile da attuare, mi rendo conto poi lo sia sempre meno per me che tanta fiducia avevo prima che mi crollasse tutto da sotto i piedi.
cmq non capisco visto che stando a quanto si prescrive esistono solo cialis e c., visto che non ho nulla di fisico devo continuare con tali farmaci e raffrontarmi nel frattempo con un psicossessuologo che mi faccia ritrovare l'erezione e mi allontani anche dalle pasticchette? io sono disperato è un cane che si morde la coda...
per qual motivo secondo voi poi l'andrologo che mi segue (prescrivendomi quello che già prendevo) mi consiglia l'esame dell'ecodopler penino dinamico se appunto come dite non occorre per chi ha effetti positivi con l'uso di viagra levitra ecc?
per avere uno spetro di analisi ormonale il più completo possibile che esami edocrinologici mi consigliate? l'assunzione spropositata di anabolizzanti che ho fatto in passato è la cosa che più mi spaventa....
[#10] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Proverò a risponderle per l'ambito di mia pertinenza.

I farmaci proerettivi, anche in caso di d.e con etiologia psicogena, vengono adoperati per deocondizionare il circolo vizioso:
ansia, ansia da prestazione, deficit erettivo, deflessione del tono dell'umore e si ricomincia.
Vanno sempre supervisionati dall'andrologo di riferimento e, nel caso di pazianti giovani e con cause chiaramente psicogene, affiancati ad un percorso di conoscenza e di esamina approfondita delle cause che hanno condotto alla disfunzione sessuale.

Per ogni disfunzione sessuale, si devono analizzare:
i fattori predisponenti,
fattori precipitanti
i fattori mantenenti ,
la “storia del disturbo” , al fine di poter lavorare con la sessualità.
Nei miei articoli e, se desidera nel mio blog, troverà tanto materiale in merito, per fugare eventuali altri dubbi e preoccupazioni.

Consideri, che accanirsi con la ricerca di cause organiche , equivale a confermare quelle psicogene, sempre molto difficili e complesse da poter accettare
V.Randone

[#11] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Noprmalmente i farmaci per la De servono ad aiutare lo psicosessuologo nel suo lavoro. L'ecocolordoppler penieno dinamico serve comunque a valutare lo stato delle sue arterie e il livello d'ansia anche se la risposta ai farmaci è buona.