Utente 212XXX
Buongiorno,
questa mattina al risveglio mi sono trovato la prima falange del dito indice della mano dx senza più forza ed incapace quindi di muoversi. Per esempio non riesco a creare la contrapposizione al pollice per afferrare un oggetto con l’indice e non riesco ad eseguire normali operazioni tipo allacciare un bottone della camicia. La seconda e la terza falange funzionano correttamente. Il tatto e la sensibilità sono perfetti su tutto il dito.
Qualche ulteriore informazione: da circa 2 giorni ho qualche lineetta di febbre (36,8-37) forti dolori che sembrano muscolari a polpacci e muscoli delle braccia , non escluderei i dolori derivassero da tendini o nervi. Se faccio forza con le dita sul palmo della mano sento del dolore subito dopo il polso, sia su mano sx che dx. La sensazione di perdita di forza anche se molto leggera l’ avverto anche sulle altre dita e anche sulla mano sx. Quando mi sforzo di fare forza con la falange in questione avverto come un formicolio sopra il polso ma non ho reazioni della falange.
Probabilmente, questa notte ho avuto un formicolio a pollice ed indice che nel domi veglio ho imputato ad una posizione della mano sotto il corpo.
Circa 2 anni fa mi sono state diagnosticate 2 protrusioni cervicali che però dopo un trattamento fisioterapico non hanno più dato fastidio e comunque i sintomi che mi davano erano diversi.
Per lavoro utilizzo tutto il giorno tastiera e mouse con la destra.
Questa mattina mi sono recato dal mio medico curante il quale ha imputato i dolori ad una forma parainfluenzale ed il problema del dito al tunnel carpale o con minori probabilità alle protrusioni cervicali.
Facendo le classiche manovre per individuare problemi alla cervicale non ha rilevato niente di anomalo.
Mi ha prescritto una scatola di integratori alimentari di nome Tio Cronal 600 e mi ha detto di aspettare una decina di giorni dopo di che se la situazione non migliora bisognerà fare un’ indagine pi approfondita.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

se non c'è formicolio alle prime 3 dita, escluderei un Tunnel Carpale.

Se ha dolore alla base del dito, potrebbe trattarsi di una sinovite (infiammazione) dela canale (puleggia) al cui interno scorre il tendine flessore.

Se con i normali antiinfiammatori il problema non si risolve, si faccia visitare da uno specialista.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 212XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta,
Non ho dolore alla base del dito, ma come spiegato sui tendini subito dopo il polso. Confermo che non ho formicolio alle dita.
La stessa situazione si sta presentando anche sull' indice della mano sinistra da un' ora a questa parte. In maniera più lieve ma inizio a sentire la mancanza di forza anche sull' indice della mano sinistra.
Sto prendendo dell' OKI per i dolori e come antiinfiammatorio.

Il fatto che la situazione si stia presentando anche sulla sinistra e i dolori "muscolari" a polpacci e braccia, mi fa pensare ad una infiammazione ai nervi o ai tendini, sto ipotizzando.

Sono tentato di recarmi al prontosoccorso...
perchè la cosa mi mette parecchia ansia.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Probabilmente il problema principale è l'ansia, non il dolore.

Mi faccia sapere cosa le dicono al P.S.
[#4] dopo  
Utente 212XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno e grazie per l'interessamento.
Al PS mi hanno fatto vista esami del sangue ecg pressione e temperatura, l'unica cosa riscontrata nel sangue potassio a 3,5 quando il minimo è 3,8. ECG Ok. Pressione 90-140, temperatura 37,1
Mi hanno prescritto una visita dal neurologo per questa mattina alle 11.
Oggi al risveglio, anche se non ho dormito moltissimo ho sempre dolori a polpacci e braccia la falage dell' indice della mano dx sembra reagire leggermente meglio di ieri, perlomeno chidendo tuyye le dita e spostandola in apertura con l' altra mano, ritorna in posizione.
In "compenso" l' indice della mano sx presenta la stessa sintomatologia della mano dx.

Effettivamente in questi giorni per problemi personali e di lavoro sono molto stressato e di carattere sono ansioso, ma può lo stress creare dolori muscolari e sintomi del genere?

Sto prendendo OKI e un integratore per il potassio
[#5] dopo  
Utente 212XXX

Iscritto dal 2011
Ieri mattina visita ho eseguito la visita dal neurologo il quale mi ha richiesto una EMG per questa mattina.

elettromiografia eseguita:
questo l' esito

Motivo esame: deficit della flessione della falange distale del II dito della mano bilaterale.

Descrizione: all' esame ad ago sofferenza neurogena cronica nei mm. flessore profondo del II dito della mano dx, estensore dell' indice dx e I interosso dorsale dx; nella norma il m. flessore profondo del II dito della mano sx; nella norma le VdCM, le latenze delle onde F e le VdCS esaminate.

Conclusione: sofferenza radicolare a carico C8-T1 dx; si consiglia ripetizione di RNM del rachide cervicale (note protrusioni)

Aggiungo io: le protrusioni riscontrate più di un anno e mezzo fa erano C4-C5, C5-C6
qui la descrizione:
http://www.medicitalia.it/consulti/Neurochirurgia/225641/Protrusione-posteriore-dei-dischi-c4-c5-c5-c6
Quindi non mi torna del tutto la sofferenza radicolare C8-T1.
Il dottore ha aggiunto che probabilmente l'infiammazione muscolare e dei nervi che ho avuto in questi giorni ha amplificato l' effetto della sofferenza radicolare.
Eseguirò nuova RNM e vi terrò aggiornati.
Intanto la forza alle due falangi delle dita sta gradualmente tornando, al 70% sulla dx al 50% sulla sx.
Continuo assunzione di OKI e Polase.
Intanto se questa non è più la sezione corretta per questo consulto prego vogliate spostarlo e segnalarmelo.
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Si probabilmente deve porre il quesito in ortopedia: non mi sembra ci sia nulla di competenza del Chirurgo della Mano.