Utente 273XXX
Salve,

Visto che avete ammesso che esiste una ragione genetica, vorrei chiedervi se le dimensioni del pene sono ereditarie.
Se uno ha un padre superdotato lo sarà anche lui e viceversa?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
ad oggi non esiste prova scientifica che supporti l'ipotesi che le dimensioni del pene abbiano una componente ereditaria.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,


certe caratteristiche corporee hanno una certa "ereditarietà" ma bisogna stare attenti perchè si posso trasmettere ai figli anche le caratteristiche genetiche della moglie e quindi dei nonni che non sappiamo se essere particolarmente "dotati"
A tutti i genitori che vivono questo dubbio consiglio sempre di far visitare il bambino da un andrologo prima degli 8 anni in modo tale da valutare concretamente la situazione genitale, in alcuni casi si può fare "qualcosa"
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
Infatti mio padre era più dotato di me che arrivo a 14cm e rispetto al 98% dei miei amici di scorribande sono il meno dotato.
A volte mi dispiace, come dispiacerebbe a tutti gli uomini.
Penso che allora dovrò stare attento a un eventuale figlio maschio magari facendogli fare "qualcosa" (ci sono cure ormonali?) per non ritrovarsi con questo piccolo problema.
[#4] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
O meglio anche se ritenete le mie misure nella norma in un mondo come quello di oggi dove l'hardcore, l'estetica della virilità si sono un po' imposte, regalare a un figlio uno o due centimetri può essere solo una cosa positiva.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

le sue preoccupazioni mi sembrano un pò sbilanciate sull'"apparire", rispetto ad una visione più complessa e articolata dell'attuale realtà culturale che in questi anni stiamo vivendo.

Certo l'apparenza può sempre avere dei risvolti "interessanti e curiosi" come al circo ma, mi creda, è mille volte meglio un uomo che sa davvero come procurare piacere alla propria partner e che conosce bene il suo corpo, anche se non ha un pene da "elefante", piuttosto che un "elefante" che, sotto le lenzuola, è un "imbranato" o, peggio ancora, pensa solo a se stesso.

In sostanza saggio è sentire in diretta un esperto e bravo andrologo.

Un cordiale saluto.