Utente 275XXX
Ho 58 anni e,a fine luglio,in seguito a episodi di disuria e nicturia ingravescenti,ho eseguito l'esame del PSA(che non avevo mai fatto prima)con valore di 78.Mi sono quindi recato dall'urologo,il quale dopo aver eseguito l'esplorazione rettale,ha richiesto scintigrafia ossea,tac torace+addome+pelvi e biopsia prostatica.La biopsia ha rivelato un adenocarcinoma acinare con score di Gleason 3+4=7 sulle 6 biopsie effettuare(3 al lobo dx e 3 al lobo sin.),la scinti ha evidenziato accumuli patologici di media intensità all'emisoma sin.della D9 ed al bacino(cotile dx,terzo prossimale diafisi femorale dx,branca ischio-pubica sin.)compatibili in prima ipotesi con lesioni ossee di natura secondaria,che non sono state pero' evidenziate alla successiva tac(esclusa la lesione della D9,al bacino esiti traumatici e cisti ossea) con esclusivo riscontro di 2 linfonodi in sede iliaca dx.
Ritorno dall'urologo il quale mi prescrive ormonoterapia(casodex 50 ed enantone 11,25)e mi dice di sentire il radioterapista per eventuale radioterapia;quest'ultimo pero' è perplesso sulla radioterapia convinto della presenza di metastasi ossee al bacino.Faccio cosi' un consulto dall'oncologo il quale mi richiede una Pet colina la quale esclude la lesione della D9,mentre conferma quelle al bacino.
Ora sinceramente mi sento disorientato,non era sufficiente la Tac per iniziare almeno la radioterapia(che so' essere curativa)ed allora come mai ci sono queste
discrepanze cosi' importanti tra questi esami eseguiti con il tracciante e la Tac?
La terapia ormonale che ho iniziato da circa 1 mese puo' bastare da sola?
Oggi ho ripetuto il PSA,è troppo presto?
In attesa di un vostro gentile riscontro.
Cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
diciamo che alla TC le lesioni ossee (a meno di situazioni eclatanti) non rientrano nei criteri di parametrazione della malattia prostatica (vengono definite lesioni non misurabili ma valutabili, meglio alla PET o scintigrafia).

La presenza di secondarismi, non propone in prima istanza trattamenti locoregionali (sulla prostata) ma sistemici (come sta facendo lei). Può essere che in un secondo tempo se tutto restasse fermo a livello ooseo con azzeramento del psa, si possa valutare (fuori programma) l'eventuale trattamento locoregionale.

Inoltre la radioterapia sull'osso ad oggi ha solo indicazione per la palliazione del dolore.