Utente 949XXX
Donna di 67 anni con fibrillazione atriale, seguita con terapia orale per coagolazione sangue (terapia con cumadin), generalmente fa prelievo di controllo ogni mese/mese e mezzo perché é molto regolare con un INR quasi stabile tra 2.4 2.6.
Abbiamo notato che nell'esame viene rilevato oltre INR anche PT con valori riferimento 70-120, ma lei ha questo valore sempre molto basso (ultima volta 22), nessuno ha mai detto nulla su questo valore, viene sempre considerato INR. Cosa vuol dire? perché PT così basso?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, il PT ovverossia il tempo di protrombina è un altro parametro utile nella valutazione della terapia anticoagulante, con valori che debbono oscillare in genere tra 25 e 35. Avere un PT di 22 corrisponde quindi ad un INR>2,5 e quindi nel perfetto range richiesto per un soggetto sottoposto a terapia anticoagulante.
Stia sereno, è tutto ok!
Saluti
[#2] dopo  
Utente 949XXX

Iscritto dal 2008
Mi scusi ma il valore é espresso in percentuale e viene indicato con asterisco come tutti quelli fuori dai parametri, infatti i valori di riferimento del range di normalità scritti accanto sono 70 - 130
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Durante la terapia con coumadin il PT deve esser necessariamente basso proprio per l'effetto terapeutico del farmaco.